Terrore in un liceo classico: uomo tenta di entrare e di insegnare le equazioni differenziali

Foto Credits: Pixabay

UMANIS (TA) – Attimi di paura in una scuola del Comune di Umanis, in provincia di Taranto, dove un uomo ha si è introdotto nel liceo classico Giulia de Lellis per cercare di insegnare le equazioni differenziali in una quarta ginnasio.

Già scattata l’indagine che mira a identificare il misterioso giovane, barbuto e con gli occhiali, che si è dato alla fuga al suono delle sirene mentre stava riempiendo la lavagna di formule e che, se non fosse stato fermato in tempo, sarebbe potuto arrivare fino alle derivate parziali.

Si tratta di un secondo episodio che colpisce l’attenzione pubblica e che lascia riflettere. Pochi giorni fa, nella vicina cittadina di Classicis, sempre nel tarantino, un ex professore di 57 anni si è intrufolato in un liceo artistico per tentare di introdurre l’integrale doppio e il teorema di riduzione, gettando nel panico la terza B che era impegnata nella lezione di disegno di una palla.

“L’uomo – spiega il sindaco di Umanis Crocedetto Bene – prima ha cercato di entrare nella scuola dicendo che avrebbe tenuto una lezione sulla tabellina dell’1, e parlando col bidello di triangoli equilateri per tranquillizzarlo. Ma il nostro validissimo ATA a un certo punto si è insospettito”. “Mi sono insospettito, come avete appena scritto, perché a un certo punto gli è sfuggito un riferimento alla formula di Erone, che chiaramente non esiste, e allora l’ho seguito e mi sono messo a origliare la sua lezione”.

L’uomo, infatti, come si temeva, ha iniziato a parlare di derivate, di equazioni differenziali lineari e non lineari, di equazioni differenziali omogenee, fino a quando il bidello ha fatto irruzione in aula urlando e minacciando di chiamare i prof di Lettere e Latino.

A quel punto il sospetto matematico ha scaraventato la cattedra contro di lui e si è dato alla fuga seminando tavole logaritmiche in base 14. “Poteva essere una strage – continua Bene – alcuni ragazzi della prima fila avevano già iniziato a imparare il concetto di risoluzione col metodo di separazione delle variabili”.

Per terra sono stati trovati alcuni fogli: appunti caduti dalle tasche dell’uomo che rivelano il suo piano completo, ossia arrivare alle equazioni alle derivate parziali ellittiche, con e senza l’orlato di Fourier. Le forze dell’ordine indagano ora sull’accaduto, che ha ovviamente seminato ansia e preoccupazione in genitori e studenti del plesso. Non è chiaro chi fosse l’uomo e soprattutto come conoscesse quegli argomenti.

Stefano Pisani