Evoluzionisti lanciano l’allarme: “Guardare Temptation Island fa perdere il pollice opponibile”

15 luglio 2019

FASCINO (PGT) – Temptation Island potrebbe nuocere gravemente al pool genetico degli spettatori televisivi. Sono queste le clamorose conclusioni a cui è pervenuto un gruppo di ricercatori del Centro per lo Sviluppo dell’Essere Umano di Fascino, in provincia di PGT.

Il plot del reality è semplice ma efficace: sei coppie non sposate e senza figli accettano di essere chiuse in un villaggio nel sud della Sardegna, dove riceveranno tutto il necessario per sopravvivere, purché sia griffato Tezenis. Mentre durante il programma scorrono sottotitoli inneggianti a Tezenis e tutti parlano di quanto siano belli i pigiami Tezenis, le coppie, sistemate in gruppi separati (uomini da una parte, donne dall’altra), vengono “tentate” rispettivamente da dodici donne e dodici uomini single. Unica concessione alla, pur sempre importante, morale comune: gli uomini possono corteggiare ma evitando di venire dentro; le donne possono sedurre ma sempre indossando spirali Tezenis.

Ogni settimana i membri delle rispettive coppie vengono chiamati nel falò – acceso dando fuoco a carbonelle Tezenis – per visionare filmati sul rispettivo partner e farsi umiliare pubblicamente. Dopo 21 giorni, i concorrenti, intorno a un ultimo falò, decideranno se continuare o interrompere la loro storia d’amore, dopo aver ricevuto in dono un bel paio di corna a testa -da abbinare ad accessori Tezenis.

“Essendoci stata una prima edizione nel 2004 e poi altre dal 2014 a oggi, abbiamo finalmente raccolto abbastanza dati per il nostro studio” ha spiegato Carlo Darvuino, primo autore della ricerca pubblicata sulla rivista Evolution. “Nelle ecografie dell’epoca si iniziavano a vedere bambini che presentavano deformazioni alle mani, mostrando dita simili a quelle degli scimpanzé o di Luca Giurato” continua Darvuino.

Più gravi erano però le conseguenze a carico dell’apprendimento e dell’intelligenza. “In occasione dell’edizione del 2014 nacquero molti bambini segnati da un importante ritardo mentale: istintivamente, invece di succhiare i capezzoli per nutrirsi, i neonati succhiavano le ginocchia della madre”. All’epoca, fatti di questo genere furono denunciati da Report, ma passarono quasi inosservati, anche perché Filippo Bisceglia, il conduttore, minimizzò affermando di essere anche lui cresciuto “tentando di succhiare il latte dalle rotule”. Sempre nel 2014, il progetto dell’Istituto Superiore di Sanità di seppellire l’isola di Temptation Island e soprattutto Filippo Bisceglia sotto un coperchio di cemento armato (naturalmente firmato Tezenis), fu bloccato dall’allora Premier Matteo Renzi, che segretamente sperava un giorno di poter partecipare al programma per scoprire se poteva davvero fidarsi di Silvio Berlusconi.

La letteratura scientifica di settore ha comunque già offerto casi simili a questo. Nel 1994, per esempio, il programma “Beato tra le donne”, condotto da Paolo Bonolis e Martufello aveva provocato numerosi scompensi: i bambini nati da donne esposte al programma durante la gravidanza, una volta adolescenti, sono andati incontro a problemi significativi come dimezzamento del QI, ricrescita della coda e voto per la Lega.

Intanto stasera andrà in onda la quarta puntata e siamo in grado di fornire alcune anticipazioni: David, rimarrà un tantinello deluso dal comportamento di Cristina, perché quest’ultima si lascerà tentare da un single ed entrerà nel suo appartamento, provocando uno tsunami di squirt che spegnerà tutti i falò. Sabrina, invece, sembra aver raggiunto la consapevolezza che Nicola, vent’anni più giovane, sia troppo piccolo per lei. “È giusto che si avvicini a una ragazza più giovane”, dirà in lacrime, mentre osserva un video in cui il fidanzato si avvicina alle tentatrici e si meraviglia che queste abbiano ancora i loro denti naturali.

Siamo dunque condannati a un inesorabile processo di peggioramento della specie? Non esiste nessun rimedio, tipo, che so, guardare cinquanta puntate al giorno di “Storie” di Corrado Augias? “Attualmente, i dati in nostro possesso sono sconfortanti: nel giro di un paio di generazioni, per un processo lamarckiano di ereditarietà dei caratteri acquisiti, i discendenti dei fan di Temptation Island si ritroveranno privi del pollice opponibile. Questo innescherà una spirale involuzionistica che, in pochi anni, li riporterà al livello dei Neanderthal. Il livello in cui, ironicamente, si trovano gli attuali concorrenti di Temptation Island” ha concluso Darvuino, sistemandosi il suo reggiseno Tezenis.

Stefano Pisani

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta