Foto: World Economic Forum

Foto: World Economic Forum

Mario Draghi sbaglia per tre volte il pin: bloccate tutte le banche d’Europa

8 novembre 2016

Francoforte (Bce) – “È stata una serata un po’ alcolica, questo lo ammetto, ma non avrei immaginato queste conseguenze così estreme. Eppure era iniziato tutto così bene…”, sono queste le parole di Charles von Carforen, amico lussemburghese del Presidente della Bce Mario Draghi, che parla del più grande tracollo finanziario che la storia abbia mai avuto, se escludiamo giocarsi la casa sulla vittoria dello scudetto da parte dell’Inter.

Tre amici che decidono di terminare la settimana lavorativa con una sbronza collettiva non possono fare troppi danni, a meno che poi non decidano di fondare un partito nazionalsocialista, ma in questo caso è accaduto anche di peggio: “Abbiamo girato sei o sette pub. Eravamo io, Marione e Luke Brexit, banchiere inglese che ha avuto la brillante idea di cambiare il cognome la settimana scorsa – prima era Brexin – eravamo felici, è stata una settimana senza Paesi che hanno minacciato di uscire dall’Unione, e io avevo trovato una banconota da sei euro sotto al tavolo. Una settimana da ricordare. Peccato poi aver scoperto al settimo pub, quando toccava a me offrire, che quel sei euro era falso”.

Ma Charles e i suoi amici non si sono scoraggiati: “Io era senza contante e ho proposto di cercare una banca per prelevare, Mario è sempre un signore e ha detto che ci pensava lui. Abbiamo trovato la Banca Nazionale del Molise e ci siamo fermati. Una sosta breve pensavamo. Poi non so cosa è accaduto di preciso ma so bene che sono scattati gli allarmi di ogni banca presente in città. E non solo”.

Ecco una sommaria ricostruzione dei fatti: Mario Draghi ha inserito nello sportello automatico l’unica tessera esistente del “Bancomat di Tutti i Soldi esistenti in Europa”, invece della sua normale tessera bancaria. Sbagliando per tre volte il pin, che lui riteneva giusto, il dispositivo ha ritirato la tessera e ha bloccato non solo quello sportello, ma tutti i bancomat di tutta l’Unione Europea, scatenando il delirio continentale. Si vive da qualche ora una situazione simile al tracollo di Wall Street nel ’29 in tutti i Paesi targati Euro, con due eccezioni.

Infatti la Grecia, abituata ad avere i conti bloccati un giorno sì e l’altro pure, vive da due giorni un’epoca d’oro di rinnovamento che terminerà la settimana prossima dopo l’inizio delle Olimpiadi Speciali indette nel Paese per festeggiare la ricchezza ritrovata. E nel Sud-Italia la situazione è rosea grazie all’antica tradizione delle madri di famiglia di non fidarsi delle banche, nascondendo tutto il denaro guadagnato in intercapedini di casa, statue votive, materassi, bambole, barattoli di biscotti e, sotto Natale, anche nel presepe. Idea che è valsa anche la vittoria, alle vecchie comari, del Nobel per l’Economia.

“La situazione si risolverà presto”, precisa comunque Mario Draghi, “sotto una sfilza di maglioni che mi hanno regalato a Natale ho trovato un foglietto accartocciato con una sfilza di numeri a casaccio che potrebbe essere il codice puk di sblocco. L’allarme è rientrato. Non facciamoci prendere dall’ansia!”, ha precisato prima di scappare a gambe levate strappandosi i capelli.

Davide Paolino

Nasce, cresce, corre! Il giorno 30/12 dell'86 decide di rovinare le vacanze a sua madre venendo al mondo. Da quel giorno in poi è tutto in discesa. Gli piace leggere, scrivere, desiderare le cose d'altri, santificare la domenica al Dio Campionato. Adora passeggiare sui luoghi dei disastri aerei prima che accadano. Scrive per Lercio perché vede la gente morta.

Commenta