seduta_spiritica_medium

Vedovo contatta medium per chiedere alla moglie morta dove gli aveva messo i calzini

3 settembre 2018

Sensiti (VA) – Pamela Prado, medium di sessantaquattro anni, già da quaranta regolarmente iscritta all’albo, ha raccontato di aver ricevuto una strana richiesta di contatto ultraterreno da parte di un vedovo di Poggibonsi Terme, il cui nome ha tenuto anonimo per privacy legata al suo lavoro.

Nel blog personale cestinatelemaildisatana.com la paragnosta ha raccontato che l’anziano, dopo la perdita della moglie, ha avuto grosse difficoltà a ritrovare le sue cose nell’armadio, in particolare i calzini. Perdendone in media tre paia a lavatrice, la moglie aveva comprato una scorta di settantadue calzini Primark a soli 49 centesimi, che però il coniuge non ha mai chiesto dove tenesse. Stufo di dover continuamente comprarne di nuovi, visto che da quando fa la lavatrice lui la media di calzini scomparsi è salita a cinque paia, l’anonimo ha chiesto a Pamela di contattare la defunta per conoscere l’esatta ubicazione della scorta.

La medium si è messa subito all’opera: “Come sapete ho proceduto col mio solito modus operandi – scrive sul blog – ho preparato una tavola con su scritto le mie formule e sono entrata in trance per contattare l’aldilà. Preso contatto con la signora, le ho chiesto dove gli aveva lasciato la scorta di calzini. Poi ho aspettato la sua risposta via mail”.

Pamela, per chi non conoscesse il suo blog, dice di ricevere le risposte dei morti nella sua email personale, per l’esattezza nella cartella spam. La storia si è diffusa rapidamente su internet, suscitando molte polemiche: per la maggior parte degli utenti, infatti, si tratterebbe di una bufala architettata dalla stessa medium per avere un po’ di visibilità. La sensitiva ha risposto alle critiche pubblicando la mail di risposta:

Oggetto: Mio marito è un idiota

Salve Pamela.
Dica a mio marito che la scorta di calzini è finita mesi fa.
Lo saprebbe se si fosse messo a fare la lavatrice da solo quando ero ancora viva.
Gli faccia sapere anche che, almeno da morta, deve smetterla di rompermi i coglioni.
Scusi il disturbo.
Giuseppina.

 

Commenta