Cicciobello

Torino. Riapre bordello LumiDolls: “Ora disponibile il Cicciobello per i clienti pedofili”

24 settembre 2018

TORINO – Riapre la casa delle bambole del sesso “LumiDolls” e con un upgrade che non mancherà di suscitare polemiche. Il locale, che aveva subito riscosso un enorme successo, era stato chiuso qualche giorno fa dalle Guardia di Finanza per esercizio abusivo dell’attività di affittacamere e in seguito alla denuncia di un cliente che ha scoperto che la bambola con le sembianze di Kim Kardashian era effettivamente Kim Kardashian che stava arrotondando, ed è andato su tutte le furie: “non sono riuscito a portare a termine la mia prestazione sessuale, non riesco proprio a essere a mio agio con una donna vera”.

Ora, comunque, la casa d’appuntamenti con bambole iper-realistiche riapre i battenti ed è pronta a ripartire con rinnovato slancio. “Siamo tornati e le nostre favolose bambole vi aspettano, tutte rigorosamente consenzienti” ha annunciato con orgoglio il proprietario di LumiDolls, l’americano Jim Bigken. “Abbiamo introdotto anche nuove tipologie di bambole per i clienti più esigenti: per esempio, per i pedofili abbiamo svariati modelli di diverse fasce d’età, nel reparto 0-12. Ed è possibile anche scegliere diversi modelli di Cicciobello, sia maschio che femmina. Ma non fraintendeteci, tutte le bambole di bambini sono realizzate secondo standard di qualità e sicurezza mondiali, e sono tutte rigorosamente marchiate MJA (‘Michael Jackson approved’)”.

Una scelta, questa di assecondare le pulsioni dei pedofili, che è stata già al centro di contestazioni. Un gruppo di militanti del Movimento5Stelle ha infatti iniziato da stamattina, in segno di protesta, uno sciopero di punti esclamativi davanti al locale. “I nostri amici 5stelle non si devono preoccupare – rassicura Bigken – i pedofili che votano 5stelle, saranno accontentati: abbiamo anche bambolotti bambini non vaccinati, è tutto in regola, autocertifichiamo la non-vaccinazione”.

Sembra proprio che questa nuova tendenza del LumiDolls sia destinata ad avere grande successo, anche considerando il viavai di pedofili che stanno già affollando il bordello, e che si riconoscono perché sono quelli che dopo aver copulato con le bambole-bambino, fumano sigarette di cioccolato. “È tutto sano, tutto giusto – continua Bigken – i pedofili qui raggiungono il soddisfacimento dei loro istinti, poi escono e non hanno più voglia di violentare bambini. Certo, a parte quelli che qui si attizzano ancora di più ma non possono permettersi di restare due ore e allora poi devono sfogarsi altrove e quindi… ehm… prossima domanda?”.

In base ai primi dati demografici disponibili sul sito di LumiDolls, le categorie che più richiedono le prestazioni con i bambolotti bambini sarebbero gli insegnanti di ginnastica artistica, seguiti dai sacerdoti e dalle figlie sopravvalutate di registi di film horror. “In particolare – conclude Bigken – per i sacerdoti sono disponibili bambole particolari a forma di ‘bambini che cercano affetto e seducono i preti’. E non abbiate paura, amici monsignori, se venite sorpresi a frequentare il nostro bordello, verrete solo redarguiti e poi spostati in un altro bordello; e con la carta fedeltà, ogni 100 bambini con cui fate sesso, ce n’è uno in omaggio!”

Stefano Pisani

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta