Uexit

Pronta la UExit: tutti gli Stati tranne il Regno Unito usciranno dall’Unione Europea

21 novembre 2019

Bruxelles, Londra – Era dai tempi dello scandalo di Winston Churchill causato dalla sua insana passione per  il Lipton Ice Tea e i genocidi in India al posto del tradizionale tè delle cinque che la Gran Bretagna non era così in imbarazzo. Visto che non sono bastati due anni per approvare una Brexit ragionevole, gli altri stati dell’Unione Europea hanno deciso di fare qualcosa di tutto inattesa: uscire loro stessi in massa dell’Unione Europea, applicando quella che i giornali hanno ribattezzato come UExit.

Ecco le prossime tappe della procedura: entro il 31 gennaio 2020 tutti i membri dell’Unione Europa tranne appunto il Regno Unito usciranno dall’Unione. A quel punto l’Unione Europea coinciderà esattamente con il Regno Unito. Gli altri stati formeranno la cosiddetta ‘Alleanza Europa‘, che funzionerà proprio come l’Unione Europa, solo con un nuovo nome. Allo stesso modo di come sta succedendo con Italia Viva e Forza Italia, Italia Viva e il PD, o Italia Viva e Italia Viva.

I tentennamenti della culla della democrazia liberale ci hanno lasciato senza altra alternativa – ha dichiarato il neo Presidente della Commissione Ursula Gertrud von der Leyen, intenta in questi giorni a trovare soluzioni sempre più creative per opporsi ad una seria legge europea contro l’elusione fiscale – “Questo tuttavia non impedirà all’AE di avere ottimi rapporti di vicinato con l’UE“.

A questo punto la palla della Brexit sarà totalmente nel campo da gioco inglese. Se vorranno uscire definitivamente dall’UE o se vorranno pensarci ancora un po’, avranno tutto il tempo di negoziare tra di loro senza che trovino a Bruxelles alcuna forma di opposizione, anche se gli analisti politici già intravedono enormi difficoltà da parte del Regno Unito nel mettersi d’accordo con se stesso.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Der Postillon

Traduzione e adattamento di Andrea H. Sesta

Lercio collabora con: De Speld, Der Postillon, Le Gorafì, El Mundo Today, Waterford Wishpers News, Die Tagespresse, NewsThump

Lo sporco che fa notizia

Commenta