corea-isola

Kim Jong-un guarda “L’isola dei famosi” e riprende gli esperimenti sul nucleare

13 marzo 2019

SEOUL – Il regno di terrore di Kim Jong-un continua a far notizia, anche se le punizioni corporali nei confronti dei reporter sono sempre in voga, come prova il fatto che io, giornalista intrepido di Pyongyang, per scrivere questo articolo son dovuto venire clandestinamente a Seoul.

Ricordiamo che il dittatore nordcoreano ha 35 anni (o, come direbbero i suoi biografi, ha 24 anni) e dal 2011 è contemporaneamente guida suprema e vice-guida suprema della Repubblica Popolare Democratica di Corea. Un doppio incarico di certo curioso ma che non ha visto alcuna perplessità da parte del collegio nominante, composto da Kim Jong-un.

L’anno scorso, il regime aveva annunciato l’avvento di un nuovo “clima di distensione”, con la sospensione dei test nucleari e l’inizio di una concreta denuclearizzazione della penisola coreana. Ora, però, un evento imprevedibile potrebbe aver cambiato questo orientamento.

Kim Jong-un, che ha una grande passione per la pallacanestro (o, come direbbero i suoi biografi, gioca titolare fisso nei Lakers), qualche sera fa stava scanalando annoiato, in attesa di assistere alla partita Cantù-Brindisi, quando si è imbattuto per sbaglio nella puntata dell’Isola dei famosi intitolata “Le corna di Riccardo Fogli spiegate bene”.

Nel momento in cui Fabrizio Corona rivelava a Riccardo Fogli le sue presunte corna ramificate a renna slava e Riccardo Fogli scoppiava in lacrime realizzando che la moglie non lo tradisse con uno dei Pooh, Kim Jong-un si è rabbuiato in volto. Allertato il Ministro della Sicurezza del popolo, il dittatore gli ha inviato un dispaccio inequivocabile: “I test nucleari riprendono tutti con effetto immediato: dobbiamo difenderci da programmi come questi”.

L’uomo che ha dato suo zio in pasto a 120 cani affamati a digiuno da tre giorni (o, come direbbero i suoi biografi, a digiuno da un anno e mezzo) è rimasto sconvolto nell’assistere a quello che Mediaset aveva avuto il coraggio di mandare in onda. La Corea del Nord ha annunciato che il prossimo test missilistico sarà rivolto verso Cologno Monzese e ha già lanciato un ultimatum all’Italia: “Su Roma sarà pioggia di bombe a idrogeno, se non inciderete subito una versione remix di ‘Piccola Katy'”.

L’ex senatore Antonio Razzi, che attualmente vaga davanti a Palazzo Madama con le mani in tasca facendo finta di niente e quando vede qualcuno che esce si precipita a salutarlo venendo respinto malamente, si è offerto di mediare con i coreani. “Ho stato in Corea anni fa, Kim Jong-un lo conosco bene: simpaticisimmo è dolce, vuole molto bene ha tutto il popolo. Ce lo dico io che siamo pentiti, gli porto le mani di Fabrizio Corona infilzate a mo’ di arrosticino”. 

Sarà una minaccia reale? Kim Jong-un odia L’Isola dei famosi, nonostante le cosce e le enormi pere della Marcuzzi? E come fa Razzi a commettere errori di grammatica anche quando si riporta una sua dichiarazione? Misteri che (forse) saranno presto chiariti. E ora scusatemi, ho del filo spinato da attraversare per tornarmene a casa.

Stefano Pisani

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta