“Il Ministro mi aspetta per un caffè”: libico sbanca al “Vinci Salvini” e entra in Italia senza problemi

16 maggio 2019

PALERMO – Sta facendo molto rumore la storia di Jusuf, un ragazzo di Tripoli che ha sfruttato il Vinci Salvini per entrare in Italia. Dopo aver aperto un profilo twitter, Jusuf si è precipitato a mettere un like sul profilo di Matteo Salvini ed è stato il più veloce di tutti: precisamente, Jusuf ha bruciato tutti gli altri utenti mettendo il cuoricino al post che recitava “Modalità Buonsenso: sbarchi azzerati, dalle parole ai fatti!”, hashtag #portichiusi #primalitalia #primalabresaola.

“E’ stata una grande soddisfazione – racconta il giovane che, stando ai suoi documenti, ha 16 anni come tutti i membri della sua famiglia, compresi il nonno e una capra – sono molto emozionato, conosco benissimo Salvini, lo seguo da anni, avrò bruciato almeno 20 volte le sue foto in piazza”.

Il regolamento del concorso “Vinci Salvini”, rispolverato dal vicepremier in occasione delle vicine elezioni europee, prevede infatti che i più veloci a mettere “mi piace” su Facebook, Twitter e Instagram ai suoi post vincano una telefonata e un caffè insieme a lui, che tanto Salvini di tempo libero ne ha un sacco dato che non fa mai un cazzo.

Così, Jusuf è saltato su un barcone a caso e ha raggiunto le coste della Sicilia, per prendere il caffè promesso col Ministro. L’ultimo tratto di mare è stato coperto grazie a una scialuppa della Lavazza.

“Ho trovato il porto chiuso, ma mi è bastato dire che avevo vinto il ‘Vinci Salvini’ e mi hanno fatto passare, anche se ho innumerevoli precedenti penali e ho fatto cose di cui non vado fiero, come imitare Rita Pavone e farmi i risvoltini. Però ora sono qui” prosegue, entusiasta, Jusuf.

L’operazione sta provocando più di qualche mal di pancia tra i sostenitori di Salvini, soprattutto tra i più razzisti, ossia tutti. A gettare acqua sul fuoco ci ha però pensato Luca Morisi, il visionario social media manager del Capitano, che ha già postato uno status in cui fa dire a Salvini che il Vinci Salvini è un corridoio umanitario che può essere sfruttato dagli immigrati “buoni”, ossia quelli che sono iscritti alla sua pagina, che hanno il diritto di entrare in Italia e, perché no, se guadagnano il badge di “Fan più attivi” potrebbero anche avere direttamente la cittadinanza italiana.

“Alla faccia degli psicologi che dicono che usare i social fa male ed è alienante! Beccati questo, Raffaele Morelli!” chiosa Jusuf.

Per ora, comunque, pare che si avvicini all’Italia un altro barcone di profughi in fuga dalla Libia che tenterà di attraccare al grido di: “Fateci scendere, a bordo ci sono donne incinte, bambini e decine di pupazzetti di Zorro”.

Stefano Pisani

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta