NHJ

Vodafone lancia “Stalking”, l’offerta per gli ex che non si arrendono

19 maggio 2014

MOLESTO (LECCO) – Grandi novità in casa Vodafone. L’amministratore delegato della società, Orso Bruno, ha annunciato la nascita di “Stalking”, una nuova e vantaggiosissima tariffa. “Quello degli ex fidanzati ossessivi è un mercato in grande espansione che gode di enorme visibilità. È assurdo che nessuna compagnia abbia ancora pensato a loro. Da oggi, grazie a noi, questa lacuna è stata colmata”.

Ma in cosa consiste esattamente “Stalking”? Vediamolo nel dettaglio: per soli 15 euro al mese, il cliente avrà a disposizione 500 minuti di chiamate e 1000 sms al giorno verso un solo numero, un binocolo e una pistola; inoltre, con appena 10 euro in più, un operatore lo terrà sempre aggiornato sugli spostamenti della persona che sta perseguitando. Ovviamente la notizia ha suscitato polemiche feroci che sono sfociate in un grave episodio di violenza: Orso Bruno è finito in coma dopo essere stato aggredito da un gruppo di vittime di stalking armate di bastoni e Laura Boldrini. Il suo portavoce, Diego Abatantuono, ha condannato duramente l’accaduto, e ha ribadito la volontà dell’azienda di andare dritta per la sua strada: “Il legame tra la nostra offerta e gli omicidi è assolutamente infondato. Nessuno se la prende con la Canon perché con le sue cineprese vengono girati i film di Leonardo Pieraccioni”.

Intanto, per la promozione dell’offerta, è stato registrato anche uno spot che introdurrà nell’universo Vodafone un nuovo personaggio: Ivo, il koala ossessivo (doppiato da Massimo Di Cataldo). Nella pubblicità lo vediamo attivare la tariffa, chiamare centinaia di volte la foca Monica e infine assoldare tre cacciatori canadesi per farla uccidere a bastonate; lo spot si chiude con la parola “continua”, e stando ad alcune indiscrezioni, Ivo non riuscirà nel suo intento e la foca verrà salvata da Genny ‘a Carogna, un opossum (doppiato da Corrado Augias) che tutti credevano morto dal momento che era stato investito da un tir e abbandonato sul ciglio di una strada. 

Davide Rossi

Commenta