(Foto: commons.wikimedia.org di HubertduMaine - elaborata da RanZag - modificata da Gabriele Zecchino)

(Foto: commons.wikimedia.org di HubertduMaine - elaborata da RanZag - modificata da Gabriele Zecchino)

Valentino Rossi: “Il mio segreto? Quando corro penso sempre che la Finanza mi insegua”

29 giugno 2015

TAVULLIA – A distanza di giorni non si spengono le polemiche dopo l’ultima grande vittoria di Valentino Rossi. E’ in particolare il due volte campione del mondo Marc Marquez a usare parole al vetriolo: “Mi ha trattato come se fossi un esattore delle tasse”.

Ma è all’emittente radiofonica Radio Tasse Zero che Valentino Rossi concede l’intervista: “Marc Marquez non deve lamentarsi, è già il più giovane pilota a vincere un mondiale di MotoGP, diventerà, ne sono certo, anche il più giovane pilota a evadere il fisco. Ha tutte le carte in regola per poterlo fare e so che ci riuscirà”.

La risposta di Valentino è stata seguita da un tweet di Marc Marquez: “Ho comprato casa in Andorra e mi hanno beccato, non ho neanche avuto il tempo di cambiare residenza. @ValeYellow #insegnami”.

Dal suo profilo Facebook Valentino Rossi chiude la questione: “Fammi vincere il mondiale e ti insegno qualche trucchetto. E quando ci riuscirai, e la Finanza ti busserà a casa, potrai finalmente avere quel quid in più immaginando di essere inseguito da gente che vuole i tuoi soldi. E’ questo il mio segreto per andare fortissimo”.

Si sa che quello italiano è il popolo furbo per eccellenza. E’ il paese che ha creato tutto, evasione compresa, e lo dicono anche illustri intellettuali del calibro di Crozza e Benigni (che a loro volta sono due invenzioni italiane). E stiamo pur certi che dopo queste sagge parole di Valentino Rossi aumenteranno sia gli evasori che i centauri morti per eccesso di velocità.

Claudio Favara

(Catania, 1982). Studia tantissimo per poter lavorare nei call center prima, come trascrittore poi. Per arrotondare fa l'orso nelle fattorie della bile cinesi.

Commenta