EsercitoParolacce

USA: contro i terroristi, inviato in Medio Oriente l’esercito speciale F.I.C.A.

20 ottobre 2014

ANALBAMA (USA) – Si chiama F.I.C.A (Federal Incest of Cumshots Army) il nuovo esercito speciale inviato in Medio Oriente per porre fine al terrorismo islamico. Per la prima volta nella storia le bad words americane sono uscite dai dizionari e hanno deciso di unirsi in un corpo speciale ai comandi del generale Debra Morgan per invadere un paese a caso, esportando la democrazia.

Le più agguerrite, tra cui “blowjob”, “pussy” e “asshole”, si sono organizzate in monologhi satirici; altre, come “motherfucker”, “dick”  e “fuck”, hanno deciso di partire da sole, magari all’interno di qualche insulto. L’esercito ha deciso inizialmente di penetrare in Siria e bombardarla con un’ arma presa in prestito direttamente dal vocabolario giapponese: il “bukkake”, che agisce in modo micidiale accerchiando la vittima e sparando parolacce da più direzioni contemporaneamente.

Nella notte scorsa si sono susseguiti una serie di “shit”, “piss”, “cunt” e “tits” che hanno colpito soprattutto le menti dei più giovani terroristi in erba, alcuni tra i quali sono riusciti a difendersi ridendoci su, mentre  per quelli che hanno continuato a prendere la vita troppo sul serio l’attacco è stato letale.
Niente da fare anche per le vittime delle rappresaglie ad opera delle micidiali “pussy farts”, contro le quali è davvero difficile difendersi, in quanto si insinuano nei meandri del cervello e non ne escono più finché la persona colpita non si rende conto del significato, che è difficile da trovare in un’enciclopedia.

L’ISIS e Al Qaeda stanno cercando in tutti i modi di fermare questo bombardamento incessante, istituendo distributori automatici di “bip” acustici e *** stampati per coprire le raffiche di attacchi audiovisivi da parte del singolare esercito USA, anche se questo rimedio si sta rivelando controproducente, perché si è scoperto che la censura rende ancora più forti queste armi verbali.

 Giuseppe Coppola

Giuseppe Coppola (nome d'arte, vero nome Pinuz Droid) nasce a Santarcangelo di Romagna il 26 Gennaio 1961 da madreperla e padre pirla. Sin da piccolo sfoggia le sue abilità satiriche pisciando fuori dal vaso di Pandora. Attualmente si guadagna da vivere come imitatore di sè stesso. Scrive per Lercio perchè la mamma ha detto che può.

Commenta