(Foto: www.flickr.com by Quinn Dombrowski )

(Foto: www.flickr.com by Quinn Dombrowski )

Uccide la moglie nel sonno per farla smettere di russare: è Nobel per la Medicina

1 giugno 2013

STOCCOLMA – È stato ufficializzato stamani il vincitore del premio Nobel per la Mediciana. A sorpresa i membri dell’Istituto Karolinska hanno scelto un outsider: Gustavo La Mazza, ravennate di 65 anni e una vita da impiegato alle poste alle spalle, che si porta a casa l’ambito riconoscimento per aver trovato un rimedio definitivo a un problema che affligge milioni di persone nel mondo.

Divorziato, La Mazza aveva intrecciato una relazione sentimentale con la 54enne Stellina Dellanotte, con cui è convolato a nozze due mesi fa. Dopo i primi giorni di convivenza però, il futuro luminare ha scoperto che la sua nuova moglie era affetta da un’implacabile forma di russamento, del genere che può essere rilevato dall’Istituto sismografico, e che la donna si era già rivolta senza successo a ogni sorta di specialista nel campo.

La scoperta della nuova cura è avvenuta per caso. Dopo aver cercato in ogni modo di raggiungere un’utopistica forma di assuefazione, una notte La Mazza ha avuto la brillante intuizione di schiacciare un cuscino sul volto della moglie. Ha così scoperto che dopo un primo tentativo di rifiutare la terapia, la paziente ha smesso completamente di russare. E perfino di respirare.

Ora piovono le reazioni di congratulazioni dal mondo accademico e sono già state avviate le pratiche per la libertà condizionata, affinché il celebre scienziato possa recarsi in Svezia a ricevere il riconoscimento.

Moreno Marchiafava

Lo sporco che fa notizia

Commenta