statue-850052_960_720

Studio smentisce verginità della Madonna: “Fece una vaginoplastica”

14 gennaio 2016

Vul (VA) – Un team composto da scienziati e storici è riuscito a dare uno straccio di credibilità a una delle più assurde storie mai raccontate: è vero che la Madonna sembrava vergine anche dopo il parto, ma solo grazie a una vaginoplastica.

La presunta verginità della Vergine era stata più volte messa in discussione, sopratutto per il fatto che difficilmente espellere il figlio di Dio non lascia tracce sui genitali di una donna. Neanche quand’essa sia la Madonna in persona. E che Gesù uscì da lì è una cosa che ogni 25 Dicembre ci viene ricordato grazie alla funzione di facebook “Oggi è il compleanno di”.
Secondo quanto scoperto dal team pare che fu proprio suo figlio a rimediare a quello che la natura muta inesorabilmente. Il suo attivismo nell’aiutare il prossimo, in comune alla sua malcelata passione per le prostitute, portò Gesù a escogitare una tecnica di vaginoplastica. Si trattava di spalmare del fango su tutta la regione inguinale e pronunciare le parole magiche: “Per il potere di Grayskull! A me l’imene ricostruito!” Egli sperimentò questa tecnica per anni sulle prostitute che frequentava regolarmente, per il Redentore era una vera passione, la sua prima operazione risale infatti a quando egli aveva solo dodici anni, all’epoca del suo nascente interesse per le meretrici.

E quando la fama di guaritore miracoloso crebbe, l’attenzione del popolo si spostò anche verso colei che era considerata una Santa, cioè sua madre. Maria si preoccupò molto, perché in molti iniziarono a chiamarla la Vergine non senza aggiungere qualche risolino, e lei, soprattutto dopo il parto, non poteva essere più distante da quella definizione. Fu così che suo figlio modificò la natura per adattarla alla fede.

Lo studio non risolve comunque il più grande mistero intorno alla Madonna: è stata fecondata da un corpo cavernoso umano, quello di Giuseppe, o dall’etereo membro del Signore?

Sergio Marinelli

Sergio nasce nel 1976, anno del cazzo, dove l'evento più allegro è il terremoto in Friuli. A scuola gli dicono che ha le capacità, ma non s'impegna e quando lo fa finge di non avere le capacità. Il suo motto è: non fare oggi quello che domani potrebbe essere inutile fare. Non pratica sport, sudare lo mette a disagio. Ora vive a Porto Sant'Elpidio, paese del cazzo, dove la cosa più eccitante è attraversare i binari con le sbarre del passaggio a livello abbassate.

Commenta