spiaggia_ombraciccione

Stabilimento balneare vieta l’ingresso agli obesi: “Fanno troppa ombra”

29 aprile 2014

RIMINI – “I nostri clienti erano stufi di tornare a casa e sentirsi chiedere se erano stati davvero al mare”. Con queste parole Oscar Sancisi, titolare dei bagni “Pietro Pacciani”, ha motivato la sua controversa decisione. Il signor Sancisi non è nuovo a trovate del genere: già l’anno scorso aveva relegato nelle ultime due file tutte le persone che pesavano più di 100 kg. La mossa si era rivelata efficace solo in parte, in quanto le suddette persone si ostinavano a passeggiare costringendo gli altri clienti a spostare continuamente i loro lettini per sfuggire alle loro ingombranti ombre. Da quell’esperienza è nata l’idea di vietare l’ingresso alle persone troppo grasse. La novità ha incontrato il favore di molti clienti, felici di potersi finalmente ustionare in santa pace. “Era ora che qualcuno ci pensasse. L’anno scorso per colpa loro sono stata costretta a postare su Facebook decine di foto dei miei piedi bianchi”, starnazza un’oca. “Sono entusiasta: da quest’anno le uniche tette che vedrò saranno quelle delle donne”, le fa eco un ragazzo con la pettinatura di El Shaarawy e lo sguardo di Luca Toni.

Ovviamente la decisione ha sollevato le proteste delle persone a cui verrà impedito l’ingresso. Due di loro, frequentatori dei bagni “Pietro Pacciani” da più di dieci anni, hanno annunciato uno sciopero della fame che interromperanno solo quando raggiungeranno il McDonald’s dall’altro lato della strada. Inoltre tutti gli ormai ex clienti (36 in tutto) hanno preparato un’azione dimostrativa per manifestare il loro dissenso: in una data che hanno deciso di tenere segreta svuoteranno il tratto di mare davanti allo stabilimento tuffandocisi a bomba tutti insieme.

Davide Rossi   Immagine: Fabio Corigliano

Commenta