garbage

SEQUESTRATA MEGA DISCARICA VIRTUALE ABUSIVA

23 gennaio 2013

MIAMI – Tutti noi abbiamo gettato centinaia di file nel cestino del computer per poi svuotarlo, ma ci siamo mai chiesti dove finissero tutti quei file? Lo ha scoperto ieri mattina per caso la polizia di Miami, durante le indagini su un traffico di stupefacenti. Mentre circondavano la villa di un narcotrafficante, sono stati attirati da gemiti e urla di piacere provenienti dalle vicinanze. Gli agenti, incuriositi, hanno seguito le urla e fatto una scoperta shock: milioni e milioni di file, per la maggior parte film porno, musica piratata e foto sexy di ragazze minorenni, erano ammassati e abbandonati nell’indifferenza più totale.

Putroppo i file sono ormai logori per l’esposizione all’ambiente esterno, e risulta quindi impossibile risalire ai computer di provenienza.  Secondo le prime stime, saranno necessari milioni di dollari per una bonifica completa della zona. Nel frattempo, squadre di volontari stanno ripulendo gli animali che sono finiti nei filmati più zozzi. Le associazioni ambientaliste credono che questa scoperta sia solo la punta dell’iceberg. Sono convinte che ci siano molte altre discariche abusive virtuali e hanno lanciato un appello mondiale per l’installazione obbligatoria dei cestini differenziati su tutti i desktop.

Marco Bressanini

Dal 2008 conduce una brillante carriera nel precariato. Prima è stato studente, vagabondo e frontman di una one man band, da cui si è separato per dissidi interni.

Commenta