Attenzione!

Il nostro server è entrato in casa d'altri di notte ed è stato ucciso

Se non volete restare a corto di lercio comprate il libro

Scopre che la prima causa di morte sono gli incidenti domestici: leghista spara al frigorifero

8 settembre 2016

PIUFUCILIPERTUTTI (VA) – Uccidono centinaia di migliaia di persone e ne invalidano milioni. Gli incidenti domestici rappresentano una delle più grandi problematiche di salute pubblica nell’Unione Europea. Ogni due minuti qualcuno muore a causa di un incidente domestico, spesso causato dall’orologio a muro con cui si stava facendo questa statistica.

Con 250 mila decessi all’anno, gli incidenti domestici rappresentano la quinta principale causa di morte, dopo malattie cardiovascolari, cancro, malattie respiratorie e le canzoni di Iva Zanicchi.

E sono soprattutto i bambini a essere in pericolo: per i più piccoli, questi episodi accidentali sono la prima causa di morte, seguiti dagli incidenti che capitano ai bimbi quando frignano troppo in aereo (o al cinema) e a quelli che vengono dimenticati in macchina.

E’ per questo che Goffredo Pistola, leghista della prima ora, oggi ha imbracciato il suo fucile d’assalto M4 e ha sparato al suo frigorifero. “Detengo questa carabina tattica per attività venatoria, perché i cinghiali di cui vado a caccia hanno le bombe a grappolo” dichiara il Pistola.

“Lo Stato non ci difende dagli incidenti domestici!” protesta l’uomo, ancora ricoperto di brandelli di Quattrosaltiinpadella e imbrattato di salse varie, che ha spiegato di aver riconosciuto nel frigorifero uno dei pericoli più grandi per la sua famiglia e quindi di aver fatto fuoco contro di lui senza pensarci una volta, “com’è nel costume di noi leghisti”. “Gli ho intimato di dirmi chi era e cosa faceva in casa mia – prosegue – ma il frigorifero non rispondeva niente. Si vedeva che non gli facevo paura, continuava a stare lì, fermo, arrogante; mi guardava con aria di sfida. Ma se ti pizzico a girare per casa mia, nel cuore della notte, allora sono autorizzato a farti qualsiasi cosa, lo dice la Costituzione!”.

Sembra che il frigo  non abbia effettivamente risposto al Pistola, limitandosi a emettere un intenso ronzìo all’improvviso, cosa che ha spaventato l’uomo e lo ha indotto a vuotare contro l’elettrodomestico due caricatori.

Lo scorso dicembre era già avvenuto un episodio simile, con il Pistola che aveva acquistato uno smart Tv ultra HD 4k e lo aveva preso a calci e pugni durante una scena di “Lilli e il vagabondo”. “Basta con questi cani nomadi che non si integrano nella nostra cultura e ci rubano le donne! Vivono a spese mie con 35 euro al giorno!”, aveva urlato in quella occasione prima di tentare di castrare il decoder.

“Non sono un eroe. I veri eroi sono quelli che ci proteggono tutti i giorni, che sparano ai loro frigoriferi per lavoro, addestrati per questo compito” commenta il Pistola, rispondendo ai tanti vicini che in queste ore si stanno complimentando con lui. “Io la difesa me la faccio da me” aggiunge proprio uno dei vicini “se il mio Folletto Vorwerk mi guarda storto, io lo gambizzo. Non si scherza con noi della Lega”. 

Il frigo, un Hotpoint Ariston NoFrost di 1 metro e 87, colore Inox, lascia due vaschette per il ghiaccio e un congelatore autonomo di 385 mc. Il tecnico dice che viene lunedì ma che forse bisogna comprarne un altro.

Stefano Pisani

Tags

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta