6b6QXfN

Sardegna, turista ipercellulitica sfoggia bikini con slip brasiliano: multata per oltraggio alla libidine

28 giugno 2014

COSTA SMERALDA – La moda dell’esibizionismo vacanziero più becero ha mietuto altre vittime, questa volta nella spiaggia più famosa della Sardegna: a pagarne lo scotto è stata un’ingenua turista ventisettenne, che si è vista verbalizzare una multa di 500 euro per oltraggio alla libidine e ulteriori 80 euro da pagare all’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna con l’aggravante di avere disincentivato il turismo sessuale stagionale.

Rosa Chiappetta, questo il nome della donna, si era recata in spiaggia con un ridottissimo slip brasiliano, che metteva in risalto, in tutto il loro fulgore, i crateri di cellulite stratificatisi nel corso degli anni. Al sopraggiungere dei vigili urbani, la signora Chiappetta avrebbe esclamato: «Non sapevo fosse un reato, ma se preferite mi copro le chiappe e mi metto in topless». Nel tentativo di rimediare e allo stesso tempo ingraziarsi gli agenti levandosi il reggiseno, avrebbe invece aggravato ulteriormente la sua già delicata situazione: le mammelle a lingua di cane hanno infatti causato conati di vomito, capogiri e crisi di pianto al vigile incaricato del verbale.

Il marito della donna, Walter Chiappetta, noto imprenditore milanese del comparto stupefacenti, avrebbe deciso di non pagare la cauzione per lasciare marcire la consorte in galera e godersi la vacanza pagata con l’amante.

L’Assessore al Turismo della Regione Sardegna avrebbe commentato soddisfatto: «L’efficienza delle nostre forze di pubblica sicurezza è, ancora una volta, sotto gli occhi di tutti. Mai più cellulite in Costa Smeralda».

Ariel Marongiu

Lo sporco che fa notizia

Commenta