image

Samantha Cristoforetti fotografa la Terra dallo spazio e scopre il fidanzato a letto con un’altra

7 gennaio 2015

In quello che gli scienziati stanno salutando come uno dei più significativi sviluppi nella storia delle esplorazioni spaziali, l’Esa (Agenzia Spaziale Europea) ha annunciato ieri che Samantha Cristoforetti, durante la sua consueta sessione di book fotografico al Pianeta Terra, è riuscita a immortalare il suo compagno mentre era a letto con un’altra donna. “Si tratta di un risultato entusiasmante, frutto dello sforzo congiunto del Jet Propulsion Laboratory della Nasa e del settore Ricerca e Sviluppo del Max Planck Institute di Stoccarda. Non dimentichiamo poi il contributo fondamentale del fidanzato di Samantha” ha dichiarato uno dei responsabili della Missione Futura, Jack Nicholson Simpson (che in realtà di chiamava Herr Docktor Franz Oktavius Spiegelman, ma è stato ribattezzato col nome di un attore e di un cartone animato dall’Ufficio Comunicazione della Nasa per renderlo più simpatico ai media).

Lo strumento che ha permesso questo successo è una camera con teleobiettivo 60.000, risoluzione di 24 mega mega mega mega pixel e stabilizzatore parallattico al plutonio rinforzato con termocoppia neutronica. La cattura delle foto è stata resa possibile dopo che la Cristoforetti ha sbloccato il flash.

“Questo è un momento storico per l’umanità, e tutto è ancora più sorprendente se consideriamo che questo risultato è stato ottenuto in una parte dell’Universo, la camera da letto del fidanzato della Cristoforetti, che finora si pensava assolutamente priva di vita – ha dichiarato Anton Schkaplerow, astronauta russo attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (Iss) – nel complesso siamo soddisfatti anche se alcune immagini sono troppo mosse perché i due ci davano dentro parecchio” ha aggiunto, prima che la Cristoforetti gli spaccasse in fronte un deumidificatore in fibra di carbonio.

Le immagini, che per ovvi motivi non si possono ancora mostrare, fanno ben sperare gli scienziati, che sono molto ottimisti sulla qualità delle foto scattate circa dieci giorni fa “ma sapremo dirvi meglio quando avranno finito di fare sesso” fanno sapere dalla Nasa.

“Si tratta di immagini che ci fanno fare grandi passi avanti. La Cristoforetti, con quelle cazzo di nuvole e montagne tutti i giorni, ci stava facendo andare in pappa via il cervello” ha dichiarato Terry Virts, astronauta americano a bordo della Iss.

“Capisco benissimo la tensione di Samantha – ha commentato Luca Parmitano, da poco rientrato proprio dalla Iss – anch’io avevo accumulato molto stress, per tutte le fotografie che l’Ufficio Comunicazione ci costringe a fare lassù. Dovevamo poi stare sempre molto attenti a non sporgerci troppo, per non fare la fine di Baumgartner. Al ritorno, sei felicissimo di riabbracciare i tuoi cari, anche se ti resta dentro, nel profondo, qualcosa della tua esperienza spaziale: io, ancora oggi, qualche volta faccio il fotografo ai matrimoni”.

A chi accusa la Nasa di strumentalizzare questa vicenda, degna di un giornaletto di gossip, nel tentativo disperato di accendere i riflettori sulla Stazione Spaziale Internazionale (ma per i motivi sbagliati) l’Ufficio Comunicazione risponde seccamente: “È così”.

Stefano Pisani

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta