taxi-roma

Roma, tassista aggredisce turista svizzera che aspettava Uber, ma era il nome del marito

7 aprile 2015

Roma – Quello dei taxi è un mondo magico, complesso, misterioso, una specie di “Sedile di Spade”, in cui non valgono più le regole delle matematica o dell’economia e l’aumento del numero delle licenze rilasciate per aumentare la concorrenza determina un conseguente aumento dei prezzi delle corse.

Ma oggi la minaccia alla categoria non arriva dal palazzo del Governo ma dai nostri smartphone: dall’America è infatti sbarcata Uber, l’applicazione che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti e che nella versione Uber Pop rende addirittura possibile prenotare passaggi da privato a privato. Insomma un pericolo, stavolta, che nemmeno un ruggito di Alemanno o uno sguardo cattivo di Gasparri, paladini sempre pronti a cavalcare la causa dei tassinari, sembrano in grado di fugare.

Bitto Lorenelli, leader dei tassisti romani è scoraggiato: “‘Sta faccenda ce sta a preoccupa’. Qua nun se tratta più de cerca’ er dialogo co’ le istituzioni a colpi de carci alla macchina blu e schiaffoni in faccia ar ministro de turno o co’ quarche bombetta carta contro Palazzo Chigi. Ao’, questa è n’app! Che famo? Tiramo bombe carta contro tutti li smartphone? E mica ce l’avemo tutti ‘st’ordigni! E poi quelli so’ americani. Li impressionamo mostrando i nostri tatuaggi  X Mas? Ancora pensano che je stamo a augura’ Buon Natale!”
Anche il milanese Marco Pietretti non nasconde la propria delusione:Anni di onesto lavoro abusivo, di appostamenti per battere le corse, anni di fatiche a evitare i controlli con patente revocata dal 2012, e assicurazione e revisione scaduta e ora arrivano due hippy della California a rovinarci la piazza. Del resto, signori, vogliamo ancora stupirci? Questa è l’Italia”.

Ma se finora le proteste contro il colosso di San Francisco si erano limitate a qualche corteo, cori, uova, petardi e slogan truculenti in vari dialetti, l’episodio che vi raccontiamo si teme possa segnare l’inizio di una nuova escalation di tensione che ora coinvolgerebbe anche una fazione che era sempre rimasta in qualche modo estranea allo scontro: il cliente.
Alle 23 di ieri, infatti, Petra Rezzonico, una turista svizzera appena uscita dalla stazione Termini di Roma è stata avvicinata dal tassista Matteo Mirkucci, alias Missisippi 5, per chiederle dove dovesse portarla. La signora ha immediatamente risposto “No, grazie. Ho già chiamato Uber”, scatenando la furiosa reazione dell’autista, ignaro che Uber fosse il nome del marito di Petra, che lavora nella capitale per una ditta elvetica di orologi di cioccolato a forma di caveau.
Mirkucci si è quindi scagliato violentemente sulla povera malcapitata, colpendola più volte con pugni, calci e CD di Califano.
C’è comunque da dire che una volta chiarito l’equivoco il tassista ha prontamente accompagnato la turista al pronto soccorso più vicino dove avrebbero avuto questo dialogo:

Fanno 34 euro. Più 16 per la chiamata urgente
La chiamata urgente?
Be’, signò, l’avevo conciata parecchio male. Mi sembra che l’urgenza c’era, no?
Va be’, pago col bancomat”.
Niente da fare, signo’, casualmente oggi non me funziona er POS. Comunque ha avuto fortuna a trovare me. Se beccava Eufrate 6 rischiava pure qualche colpo di scimitarra!”.

Augusto Rasori

Credo nell'amore, l'amicizia, l'onestà, la generosità, l'altruismo ma soprattutto la verità. O non scriverei qui...

Commenta