Senza-titolo-1

Ritrova la suocera dopo 25 anni grazie a Facebook: ingegnere denuncia Zuckerberg

18 aprile 2015

Palo Alto – Incredibile vicenda accaduta a Cleveland, nello stato dell’Ohio, dove l’attempato ingegnere Neil Crosby, ex dirigente di una fabbrica di sfere cubiche da cerimonia per sette religiose pitagoriche e vedovo da ormai molti anni, ha ritrovato a causa facebook la suocera perduta 25 anni prima.

La tragedia è scoppiata quando Neil ha digitato per errore sul motore di ricerca di Facebook il nome della suocera Alejandra Gomez di 79 anni, risiedente da tempo ad Atlanta. Grazie ad un’applicazione l’anziana signora, evidentemente avvezza da decenni ai social networks, è riuscita a scoprire che l’ingegnere aveva visitato il suo profilo, per passare poi a una dozzina di siti porno. La donna si è immediatamente messa in contatto con lo sfortunato ingegnere e lo ha raggiunto col primo volo, portando con se una borsa piena di teglie di parmigiana e rancore.
Neil Crosby, evidentemente infuriato per il riconoscimento e successivo ritrovamento, ha deciso di denunciare il Social Network più famoso al mondo e il suo proprietario Mark Zuckerberg, ritenendolo responsabile della violazione della sua privacy.

La richiesta di danni si avvicina ad un milione ed ottocentomila dollari, ovvero un dollaro per ogni volta che la suocera ha detto a sua figlia di aver fatto male a sposarlo. I 47 legali del multimilionario di Palo Alto dovranno vedersela con Bruce Shy, neo avvocato appena laureatosi nella facoltà di Legge di Disneyworld, che ha deciso di difendere il signor Crosby in cambio di una vaschetta di nachos. Chi vincerà?

Davide Ruggeri

Lo sporco che fa notizia

Commenta