rsz_july20091stfridaykenyanfriend

RISPONDE A UNA E-MAIL DALLO ZIMBABWE E DIVENTA MILIONARIO

20 febbraio 2013

A volte la fortuna bussa alla porta tramite posta elettronica. È accaduto a M. G., un 53enne di Ravenna, che si è visto accreditare sul suo conto la bellezza di 6 milioni di dollari. “Ho ricevuto questa mail firmata William Gumbeze, figlio di uno dei più ricchi agricoltori dello Zimbabwe – racconta un eccitato M. G. – che chiedeva il mio aiuto per recuperare 15 milioni di dollari del patrimonio di famiglia che suo padre aveva depositato a Johannesburg prima di essere assassinato. Io avrei dovuto solo fare da prestanome e avrei ricevuto 6 milioni di dollari. Di solito queste e-mail le cestino perché sono delle truffe, ma stavolta mi sono detto: perché non provare? E così sono diventato ricco in pochi giorni”. Anche William Gumbeze, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione, conferma la circostanza: “Era ora. Erano anni che mandavo questa e-mail a tutto il mondo e nessuno mi aveva mai cagato”.

Eddie Settembrini

Come giornalista del Washington Post ha scoperto lo scandalo “watergate”, ma ha lasciato lo scoop a due colleghi ambiziosetti in cambio di un hot dog. Tornato in Italia ha iniziato a indagare sui delitti del Mostro di Firenze; ha smesso quando ha capito che gli indizi conducevano a se stesso. Ora scrive per Lercio sotto ricatto. Il suo romanzo preferito è “Oblomov”, ma si è immedesimato talmente tanto nel protagonista che non l'ha mai finito.

Commenta