Attenzione!

Il sito è sotto bombardamento da parte di Trump

Se non volete restare a corto di lercio comprate il libro

the-voice

PROTESTA CONTRO I NUOVI TALENT SHOW: “DISCRIMINANO CHI NON SA FARE NULLA”

the voice

ROMA – Iniziativa di protesta da parte dell’ASASPERTSEC, ASociazzione ASpiranti PERsonaggi Tv SEnsa Cualita [NdR: il nome non è mai stato cambiato perché gli aderenti sono convinti della sua correttezza], l’associazione che riunisce tutti coloro che vogliono diventare famosi in TV pur non sapendo fare un cazzo.
L’episodio che ha scatenato la reazione veemente dei soci è stato l’inizio di The Voice su Rai 2. Secondo l’ASASPERTSEC si tratta dell’ennesima trasmissione che richiede ai partecipanti qualche abilità specifica: in questo caso bisogna saper cantare, come per X Factor, Music Farm e Ti lascio una canzone.
Negli ultimi anni si è assistito al proliferare di talent show (Italia’s got talent, Amici, Ballando con le stelle, MasterChef), mentre col declino del Grande Fratello sono progressivamente spariti i programmi che consentono di diventare personaggi TV anche a chi non sa fare nulla.
C’è qualche speranza con Uomini e donne, ma bisogna comunque essere dotati di bella presenza, mentre per l’Isola dei famosi bisogna essere già famosi, come suggerisce il titolo. La situazione è diventata intollerabile, tanto che il portavoce dell’ASASPERTSEC ha spedito una lettera aperta a tutte le reti televisive:
“Ci sentiamo assolutamente…come si dice.. come i negri cuando non li facevano stare nelle squole coi bianki. Vogliamo subito programi che ci fanno diventare famosi anke se non sappiamo cantare, ballare, cucinare e altro. Nn siamo + disposti a tolerare tutto cuesto, piuttosto ke andare avanti cosi faremo gesti estremi.”
Davanti agli studi dei principali canali televisivi pubblici e privati si stanno radunando in queste ore esponenti dell’ASASPERTSEC: hanno annunciato che finché le loro richieste non saranno esaudite rimarranno lì a non fare un cazzo.

Andrea Michielotto

Andrea Michielotto nasce per partenogenesi da un altro organismo pluricellulare chiamato Andrea Michielsette. È considerato uno dei maggiori narratori viventi in uzbeko, anche se crede di scrivere in italiano. Attualmente lavora come ghost writer di Domenico Scilipoti.

Commenta