dateloabaricco

“Pronto? Sono Bob Dylan, il mio Nobel datelo a Baricco”. Ma era Baricco

22 ottobre 2016

ROSICONE MONFERRATO (TO) – Ennesimo colpo di scena nella vicenda del Premio Nobel a Bob Dylan: dopo vari giorni passati a cercare di contattare invano il cantautore, ieri sera fa l’Accademia di Svezia, che assegna ogni anno la prestigiosa onorificenza, ha ricevuto una misteriosa telefonata anonima: “Pronto, sono Bob Dylan, mi spiace di non essermi fatto vivo finora. Forse perché sono morto dai tempi di “Time out of mind”. O forse perché sono un vecchio hippie fumato. Beh, comunque mi dispiace, anzi no, non mi dispiace. Volevo dirvi che non voglio il Nobel, non lo ritirerò, sono impegnato a drogarmi, fossi in voi invece lo darei a qualche affascinante autore italiano, chessò, come Calvino, Eco, Baricco, Sciascia… Capito, neh [sic, ndr]? Io non lo voglio, non lo accetto, rifiuto e vado avanti, ciao”.

La contestata assegnazione a Dylan dei giorni scorsi, però, dava più di un motivo agli accademici per pensare che il messaggio potesse essere in realtà un’abile messinscena da parte di qualche suo detrattore, ma questo purtroppo allargava il campo dei sospetti a migliaia e migliaia di utenti Facebook italiani che definiscono “poesia” i testi dei Negramaro.

Inoltre, la registrazione della telefonata in un primo momento non pareva dare molti spunti d’indagine: gli accademici inquirenti si sono limitati a notare che in essa non si sentiva nemmeno una bestemmia, quindi hanno escluso che si trattasse di Philip Roth.

L’Accademia svedese, per fortuna, non si è scoraggiata e, grazie all’impulso della potente lobby interna dei vecchi fricchettoni, è riuscita a risalire all’apparecchio da cui è partita la chiamata, una vecchia cabina telefonica dimenticata da Dio e dalla Telecom nella provincia torinese.

Di lì a poco è arrivata la vera svolta nelle indagini: riascoltando la telefonata, gli accademici inquirenti hanno captato in sottofondo un rumore sordo, profondo, di pancia, come un arrovellamento di tessuti epatici misto a un continuo digrignare di denti. A quel punto hanno capito che si trattasse in realtà di Alessandro Baricco.

Baricco si prepara a ricevere il premio

Baricco si prepara a ricevere il premio

Per la verità, sullo scrittore torinese, apprezzato più per i suoi dischi che per i suoi libri, già ricadevano i sospetti della segretaria dell’Accademia che quella sera rispose alla telefonata incriminata: “Ho avuto il sospetto che fosse lui sin dal momento in cui ho alzato la cornetta”, dichiara, “non solo perché è una settimana che ci prova ma anche perché stavolta per camuffare la voce ha deciso di fare l’accento svedese, ma qui siamo tutti svedesi e io sono di Stoccolma centro”. “Circostanza, questa, particolarmente sfortunata”, ha commentato Baricco prima di congedarsi dai giornalisti e recarsi, a detta di alcuni testimoni, in una vicina tabaccheria nei pressi della Mole per farsi una ricarica.

Giuseppe Vuolo

Lo sporco che fa notizia

Commenta