Francis_Inauguration_fc04

PAPA FRANCESCO APRE ALLE BESTEMMIE

17 aprile 2013

CITTÀ DEL VATICANO – Jorge Bergoglio continua a stupire il mondo per la bontà e l’umiltà delle sue azioni, sovente inaspettate e sorprendenti. L’ultimo episodio si è verificato durante la preparazione di una messa privata in una piccola cappella Vaticana. Due operai stavano trasportando una pesante Madonna lignea, quando uno – allergico all’incenso – è stato colto da un’improvvisa crisi di starnuti. La statua gli è così scivolata di mano, cadendo su un piede dell’altro operaio, che non è riuscito a trattenersi ed è esploso in un’imprecazione rabbiosa: “CANDIÐÐЦØØØØØØØØ!!!”.

Ne è seguito un interminabile momento di silenzio, ma quando tutti i presenti temevano una reazione dura e una punizione esemplare, Papa Francesco si è avvicinato allo sventurato operaio e con voce soave gli ha sussurrato: “Caro fratello, hai accostato al nome di nostro Signore quello del miglior amico dell’uomo. Te ne sono grato, sarà per me un’occasione di riflessione.”

Il Pontefice ha quindi incaricato uno dei suoi consiglieri più fidati, il raffinato teologo German Moscones, vescovo del Guatemala, di approfondire la liceità dell’imprecazione apparentemente blasfema. I risultati dell’esegesi sono stati stupefacenti: visto che da secoli si accosta il nome di Dio alla figura dell’agnello (“Agnello di Dio che togli i peccati dal mondo…”) e che il cane ha almeno pari dignità, sarebbe discriminatorio non concedere lo stesso privilegio al quadrupede tanto amato dagli esseri umani; pertanto la bestemmia dell’operaio può considerarsi teologicamente accettabile.

Mentre cresce lo sconcerto da parte dell’ala più tradizionalista della Chiesa nei confronti di questa inaspettata apertura, Monsignor Moscones sta procedendo speditamente alla disamina dei rappresentanti del regno animale. Ne ha identificati altri parimenti meritevoli di essere accostati a Nostro Signore come il cavallo e il toro.

Le forti pressioni degli integralisti lo hanno però costretto ad escludere per il momento dalla lista delle interiezioni consentite una delle più diffuse (pare che sia stata declamata in pubblico persino da un Presidente del Consiglio), il celebre “PORCODЦؔ.

Andrea Michielotto (foto: Fczarnowski/wikimedia)

Andrea Michielotto nasce per partenogenesi da un altro organismo pluricellulare chiamato Andrea Michielsette. È considerato uno dei maggiori narratori viventi in uzbeko, anche se crede di scrivere in italiano. Attualmente lavora come ghost writer di Domenico Scilipoti.

Commenta