(Foto: Domenico di Sabato)

(Foto: Domenico di Sabato)

Papa Bergoglio chiude la Chiesa Cattolica

1 agosto 2013

Ha scelto le giornate dedicate ai giovani per una dichiarazione senza precedenti, Papa Francesco. Il nuovo Pontefice, acclamato soltanto pochi mesi fa come guida spirituale, ha annunciato a migliaia di giovani provenienti da tutto il mondo che la Chiesa Cattolica chiuderà i battenti al termine dell’estate: “Il mondo sta cambiando – ha detto Bergoglio – ed è giunto il momento di adeguarsi a questa novità chiamata ‘età della ragione’. Al termine delle mie vacanze sull’Isola di Pasqua tornerò in San Pietro e firmerò il decreto di scioglimento della Chiesa”.
Sconcerto tra i ragazzi e le ragazze presenti a Rio de Janeiro, indecisi tra l’accettazione dell’annuncio del Papa o il suicidio di massa. Fortunatamente il timore che non esista più il paradiso ha scoraggiato i più esagitati. Inoltre la constatazione che non ci sono più neanche i peccati ha spinto centinaia di giovani, vergini ma ormai privi di freni inibitori, ad inscenare una mega orgia sul posto, sotto lo sguardo condiscendente del Papa.
Mistero sulle ragioni che possono aver portato alla decisione di Francesco, anche se diverse indiscrezioni accreditano come uno dei motivi di questa scelta la non esistenza di Dio.
Adesso in tanti si chiedono che fine faranno i beni della Chiesa e quale sarà la sorte dello Stato del Vaticano. Qualcuno propone di restituire gli ingenti capitali dello Ior ai legittimi proprietari: mafie, evasori fiscali e altri benefattori che sceglievano l’Istituto per le Opere Religiose per il riciclaggio del denaro sporco. San Pietro potrebbe diventare un parco a tema, per la gioia di grandi, piccini e grandi a cui piacciono i piccini.
Incertezza anche su come molti italiani riempiranno le proprie domeniche, ma Rai e Mediaset hanno già pronti dei palinsesti studiati apposta per gli orfani del cattolicesimo: in arrivo su Canale 5 il nuovissimo show ‘Chi vuol essere avventista del 7° giorno?’, mentre Rai 1 manderà in onda ‘Mi manda Gamesh’.

Fabio Pireddu

Lo sporco che fa notizia

Commenta