(Foto: paleomichi.blogspot.com)

(Foto: paleomichi.blogspot.com)

NONNA ACE BECCATA AD ACQUISTARE CANDEGGINA ECONOMICA

19 giugno 2013

Ha disturbato i pranzi di figlie, nipoti e vicine di casa. Ha strappato tovaglie, ha distrutto camicie, ha divelto tendoni, ha disintegrato intere città che non usavano la candeggina Ace, e oggi è stata beccata a comprare la candeggina economica.
Questo è il risultato di un’inchiesta giornalistica condotta da “Le Iene” non ancora trasmessa in onda, che si è concentrata sull’energica vecchietta che era in giro a fare spese.

Tutti la ricorderanno per la famosa pubblicità:
– Signora, posso?
– Prego
– Questa tovaglia non è tanto bianca, lei non usa Ace, vero?
– No, io uso la candeggina che candeggia
– Eh no, guarda qui – a quel punto prendeva la tovaglia o la camicia e RIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIP… lo strappo era fatto.
– Signora ma che cazzo fa? – diceva la vittima. Il video veniva poi montato in modo che questa parte non si vedesse in TV.

Le vicine intervistate la disegnano come una megera, una strega, una poco di buono, una che non si fa mai gli affari suoi.
Una vicina racconta: – Era il giorno del mio matrimonio, la signora ha visto bianco ed è subito venuta da me. Ha detto “ma questo non è bianco”, ha preso tra le sue manacce il vestito e me l’ha tutto strappato. Mi sono dovuta sposare con un semplice abito da sera.

Fermata dalle Iene Travaglio e Belpietro, la signora ha subito strappato le loro bianche camicie prima di rispondere ad alcune domande sul perché fosse passata dalla qualità senza risparmio al risparmio senza qualità, con la promessa di che le avrebbero regalato 5 camicie e 5 tovaglie bianche come ricompensa.
La signora ha illustrato la situazione: “Oggi la candeggina è aumentata troppo di prezzo e io non me la posso permettere più”. E dire che l’arzilla vecchietta una volta con la candeggina Ace ci faceva tutto. “Neanche i miei denti sono più tanto bianchi, vede? – prosegue mostrando il suo unico dente marroneggiante – qui c’è tutto un complotto voluto dagli Illuminati per far sparire il bianco dalla nostra tavola dei colori!”.
Momentaneamente la nonna sembra felice tra brandelli di camicie e tovaglie.

Claudio Favara

(Catania, 1982). Studia tantissimo per poter lavorare nei call center prima, come trascrittore poi. Per arrotondare fa l'orso nelle fattorie della bile cinesi.

Commenta