Moric fascio

Nina Moric esagera con un saluto romano e le si strappa uno zigomo

17 marzo 2017

MILANO – Nina Moric continua a far parlare di sé: dopo il recente e plateale schieramento per CasaPound, i nuovi scatti senza veli a Predappio, e le voci su una sua nuova partecipazione all’Isola dei Famosi (stavolta nel ruolo di gommone di approdo dei concorrenti), la popolare soubrette è riuscita a trasformare un brutto incidente che l’ha colpita ieri mattina, in una battaglia politica che sembra destinata a durare.

La soubrette si stava recando a piedi verso lo studio fotografico dove avrebbe dovuto posare per la nuova campagna pubblicitaria di una nota marca di compressori pneumatici. Non poteva sapere che dietro l’angolo l’attendeva un incontro meraviglioso con il Duce in persona.
Poco più avanti infatti Ludmilla Centocazzi, una escort di lusso residente nel capoluogo lombardo, stava portando a spasso il suo enorme mastino napoletano, di nome Ustascia. Il cane, spinto da un impellente bisogno fisiologico, ha depositato una enorme cagata proprio in mezzo al marciapiede, ma l’incurante Ludmilla non si è preoccupata di raccoglierlo, proseguendo per la sua strada.
Svoltato l’incrocio, Nina Moric ha visto lo stronzo per terra e riconosciuto subito in quel gigantesco pezzo di merda le inconfondibili fattezze del suo nuovo eroe: Benito Mussolini. Colta da improvvisa euforia, la modella ha repentinamente sollevato il braccio destro in un marziale saluto romano, ma la troppa foga le è stata fatale. L’improvviso scatto ha provocato una vibrazione che si è propagata lungo il corpo attraverso le fibre plastiche, provocando una lacerazione del tessuto di poliuretano all’altezza dello zigomo destro. Sfortunatamente i recettori del dolore hanno invitato un segnale che però, giunto alla scatola cranica, si è disperso nel vuoto. Per questo motivo la bella Nina non si è accorta di nulla, e ha continuato verso il set.

Arrivata sul posto, il fotografo ha immediatamente riconosciuto il danno, invitando la showgirl a recarsi presso il più vicino gommista, per farsi vulcanizzare la parte danneggiata, prima degli scatti. Ma la Moric, forte dei suoi nuovi ideali politici, ha deciso di intraprendere un’azione di protesta di impronta femminista, per rivendicare la parità di genere, la dignità delle donne e altri ideali tipici della destra estrema: “Io queste foto le faccio così come sono ora, voi maschi dovete smetterla di trattare le donne come oggetti, sono stufa di essere giudicata per il mio aspetto fisico, invece che per le cazzate che penso e dico”. Dopo un’estenuante discussione i due sono giunti ad un accordo: la Moric ha posato nonostante la scucitura in faccia, ma le foto verranno usate per un’altra campagna pubblicitaria, quella su una ditta di materiali isolanti per la coibentazione di edifici ad uso abitativo.

Entusiastica la reazione del leader di CasaPound Gianluca Iannone: “Finalmente una donna che riconosce il messaggio reale del nostro movimento: per noi non c’è nessuna differenza tra uomini e donne, a parte le negre, le zingare e le musulmane“.

Gianni Zoccheddu

Gianni Zoccheddu nasce in Sardegna nella calda estate del '76, unico sopravissuto di 4.576.458 fratelli, tutti morti durante la fecondazione. Fino ai 18 anni è convinto di essere Gesù poi, fallito il tentativo di moltiplicare pani e pesci facendoli accoppiare tra loro, smette di credere in se stesso e diventa ateo. Dopo alcuni anni passati a lavorare come commesso presso un distributore automatico si iscrive in Lingue, ma non si laurea per colpa dei comunisti, le scie chimiche e i rettiliani. Attualmente vive a Scrotopoli, dove si prende cura di una dozzina di troll nani, cercando faticosamente di guarirli dalla schizofrenia. Nel tempo libero ama fare bolle di sapone col culo e conosce personalmente un quasar. Segni particolari: un vistoso rinoceronte tatuato sulla chiappa destra di un altro tizio. Motto preferito: meglio soli che pianeti.

Commenta