1619099_10153354336078438_3155301967055714724_n

Nessuno condivide il suo post su Facebook: Gianni Morandi tenta il suicidio

8 aprile 2015

BOLOGNA – È di questa mattina la notizia del ritrovamento, in seguito a tentativo di suicidio, del corpo quasi in fin di vita del famoso cantante, calciatore e presentatore televisivo emiliano Gian Luigi Morandi, detto Gianni ma anche Manina.

Dalle prime indagini pare che il folle atto sia dovuto alla mancanza di like e condivisioni al suo ultimo post su Facebook, che conteneva una foto dello stesso Morandi, sorridente, intento a mordere una mela, con in allegato la scritta “Una mela al giorno toglie il medico di torno”. Vista la tragica conclusione, mai post fu più portatore d’ironica sventura.

Proprio le mele sarebbero state la causa di tutto. Vedendo il suo post a zero “mi piace” dopo due ore dalla pubblicazione (nonostante l’augurio propiziatorio tipico del mondo dello spettacolo che rivolge a ogni suo click: Merda! Merda! Merda!), Morandi avrebbe iniziato a mangiare nervosamente, una dopo l’altra, una partita di mele bio provenienti dal Trentino. Queste gli avrebbero provocato un’overdose di fruttosio e innescato un’escalation di aggressività culminata, dopo essersi allontanato per scaramanzia ed essere tornato pochi minuti dopo in ginocchio da Intel, nel tentativo di entrare fisicamente su Facebook buttandosi di testa nel monitor del pc, gesto che avrebbe causato ferite potenzialmente mortali allo sfortunato cantante.

I medici aspettano che l’eterno ragazzo di Monghidoro riprenda conoscenza prima di informarlo che l’insuccesso del suo post era dovuto solo a un momentaneo black-out di FB, mandato in tilt proprio dai milioni di likes suscitati da qualunque banale attività il cantante decida di rendere pubblica sul social network.

Qualora Morandi fosse riuscito nel suo atto rabbioso e disperato, per soli 43 anni non sarebbe rientrato nel prestigioso Club dei 27 dove, invece, compaiono celebrità meno conosciute dalle nostre parti come Jim Morrison, Kurt Cobain, Jimi Hendrix, Amy Winehouse e Pino il pinguino.

Ad attendere ora la guarigione del Gianni nazionale ci sono una moglie, quattro figli e migliaia di casalinghe disperate sparse in tutta Italia pronte a lasciar bruciare il ragù per distrarsi con le sue foto mentre è impegnato in delicate ed emozionanti attività, come appoggiarsi a una parete o respirare.

Manuel Pica

Nasce. Cosa che gli creerà non pochi problemi in futuro. Vive la sua vita al massimo per cercare di rendere interessante la propria autobiografia. Attualmente conduce uno studio alla Columbia University su come riconoscere un calzino destro dal sinistro. Sostiene che Pitagora non si sia mai accorto che i quadrati costruiti sui cateti di un triangolo rettangolo scivolano. Sulla sua lapide vorrebbe scritto "Per favore spostati, mi stai schiacciando il piede". (Ricordarsi di scrivere un'autobiografia migliore)

Commenta