By Hartung (Own work) [Public domain], via Wikimedia Commons

By Hartung (Own work) [Public domain], via Wikimedia Commons

Natale. Arrivano i canditariani: “Mangiamo i canditi e scartiamo il panettone”

19 dicembre 2015

“Non è solo un modo di intendere l’alimentazione, è una filosofia che mira a immergere la vita di un individuo in una coperta di dolcezza, rifiutando con forza la brutalità e la mancanza di colore di piatti volgari e insensati, tipo il grigiore di una trippa alla romana”. È questo il pensiero di Juan Ricàrdo Sebastiàn Fumagalli, secondo molti il vero ideatore del canditarianesimo, che nel giro di poche settimane ha visto anche l’adesione di importanti personaggi dello spettacolo come Tosca D’Aquino, il giovane Montalbano e Salvo del Grande Fratello.
Ricàrdo, come nasce il canditarianesimo?
Nasce da una profonda riflessione interiore. Da una logica che rifugge banalità populistiche di una quotidianità con aperture mentali ristrettissime. E poi dal fatto che avevo finito le serie da vedere in streaming, qualcosa dovevo farla.
Visto anche la sesta stagione di Pretty Little Liars?
L’ho trovata per certi versi superiore al David Lynch dei tempi d’oro.
Ma cosa significa in concreto essere canditariani?
Significa mangiare solo pietanze candite, in una prospettiva più larga che ha l’obiettivo di dolcificare e tinteggiare il versante nutrizionale nella vita delle persone. Tu ti puoi mangiare anche – per dire – il collo di maiale, l’importante è che prima lo sottoponi al processo di canditura e gli dai un colore vivace.
Ma non si candiscono solo frutta e piante?
È quello che i media hanno sempre voluto farci credere. In realtà si può candire tutto. Mia nonna, vera ispiratrice di questa filosofia, dopo la morte è stata candita, sotto sua esplicita richiesta. È diventata giallo canarino, l’ha voluto fortemente. Noi tutti ci siamo battuti per darle ciò che desiderava e meritava, non ci importa del processo per necrofilia arrivato dopo, anche perché comunque la prima udienza sta a luglio.
Mi pare di capire che la chiave di tutto sia quindi nel colore e nella dolcezza delle pietanze. Ogni cibo deve avere queste caratteristiche per essere mangiato. Ma mangiare simili quantità di zucchero non nuoce alla salute?
Vorrei rispondere alla sua domanda con un’altra domanda. Lei avrà certamente presente la sensazione che si prova quando, dopo una dura giornata di lavoro, si sale sulla metro piena e si è costretti ad accogliere passivamente esalazioni tremende che vanno dall’alito di un sessantenne affetto da reflusso gastrico, ai calzini di un senzatetto indossati senza pause per un anno e mezzo di fila. Poi magari ritorna in superficie e, avviandosi verso casa, si ferma dal pakistano a comprare la birra, ma quello ha litigato con la moglie poco prima e invece di fargliela pagare 1 euro come di consueto gliela mette a 3, e uscendo dal negozio si trova di fronte Laura Pausini che vuole a tutti i costi farle ascoltare dal vivo il suo nuovo singolo: “Ho creduto a me nel lato destro del cuore e alla fine mi sono innamorata della musica chiedendolo al cielo perché in fondo siamo simili”. Eppure lei prosegue nel tragitto, arriva fino al suo appartamento. E magari, una volta arrivato, si vede pure la sesta stagione di Pretty Little Liars, dico bene?
Non ho capito il punto.
Deve arrivarci da solo, non posso spiegarglielo io.
Ma quindi – anche considerando l’imminente arrivo del natale – un canditariano di fronte a un panettone che fa?
Lo scarta e mangia solo i canditi, facendo ben attenzione a eliminare anche i più piccoli rimasugli di mollica. I meno addentrati pensano che si possa candire l’intero panettone, ma in realtà la cosa è assolutamente proibita: candire due volte una pietanza non è halal.
Che c’entrano ora i cibi halal?
Ancora una volta, deve arrivarci da solo.
Come può vivere la quotidianità un canditariano? Cosa deve portare sempre in borsa per poter mangiare anche quando non ha con sé una vasca di canditura?
Quando non è possibile effettuare regolare processo di canditura è indispensabile portare con sé cibi già canditi, ma è bene sapere che i ristoranti canditariani cominciano a diventare una realtà importante. A tal proposito mi sento di consigliare il “Candit camera xxx”, che ha sede a Roma e ad Amsterdam. Una volta firmata la liberatoria e dopo che ci si è tolti quei due, tre o quattro indumenti – sono dei maniaci per l’igiene – si mangia bene e si paga sorprendentemente poco. C’è persino chi non ha dovuto pagare nulla.
Quale piatto consiglierebbe a chi vuole approcciarsi a questo tipo di alimentazione?
Direi che un piatto semplice come lo stracotto d’asino candito può essere l’ideale per cominciare, anche perché richiede l’utilizzo di due soli ingredienti: l’asino e lo sciroppo di canditura. E bon appétit!

Marco Ciotola

Lo sporco che fa notizia

Commenta