horace

Napolitano nomina Horace Lumacorno senatore a vita

31 agosto 2013

ROMA – Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha nominato un nuovo senatore a vita: si tratta di Horace Lumacorno, storico professore di pozioni nella prestigiosa scuola per maghi di Hogwarts. “Sono molto onorato, nonostante sia un mago sono sempre stato molto moderato nei confronti della comunità babbana, mi piace pensare di avere un forte ascendente non solo sui grandi maghi ma anche su di essa” – ha dichiarato entusiasta Horace mangiandosi un po’ di ananas candito, suonando il piano, facendosi la doccia e pulendo casa contemporaneamente.

Giorgio Napolitano ha commentato così la nuova nomina: “Servirà a dare un forte senso di serenità istituzionale e, contemporaneamente, avvicinerà i maghi a tutta la comunità italo-babbana. È un forte segno di incoraggiamento e apprezzamento verso tutti gli italiani che sono costretti a mangiare alla mensa dei poveri per arrivare alla fine del mese. Horace  può insegnare a questa povera gente qualche pozione per sentire meno fame, oppure qualche magia che ci permetta di recuperare soldi per gli esodati. Potrebbe perfino riuscire a far finire in galera Berlusconi, ma non so se esista un incantesimo così potente”

Forti proteste si sono levate contro la decisione del Quirinale. Secondo le Lega la nomina di Horace “non farà altro che far diventare l’Italia terreno fertile per i maghi africani, che già varcano sempre più spesso i confini nazionali travestiti da turisti, confondendosi nella massa grazie alla pozione Polisucco”Alfano (ancora sotto la maledizione Imperius) si dice profondamente amareggiato e contrario, sostenendo che “la nomina del Cavaliere come senatore avrebbe significato un simbolico atto di avvicinamento delle istituzioni nei confronti del PdL”. Anche Grillo è molto critico, chiedendo, nel suo ultimo post, le immediate dimissioni di Napolitano e mandando affanculo tutta la comunità dei maghi del mondo. Esulta Letta (anch’egli sotto la maledizione Imperius), che elogia la decisione di Napolitano, sostenendo che “in fondo il Pd è molto più vicino al mondo della fantasia piuttosto che alla politica vera”.

Horace Lumacorno, nel frattempo, si dice noncurante delle critiche e dei dubbi della popolazione italiana: “Farò anch’io un passo in avanti per l’integrazione fra le nostre razze nominando Napolitano, primo babbano in assoluto, membro onorario del prestigioso Lumaclub”.

Fabio Bellacicco & Chiorbaciov

Commenta