napolitano

NAPOLITANO: “LEGGE ELETTORALE O MI SPOGLIO”

8 novembre 2012

ROMA – Il presidente Napolitano ha comunicato al parlamento che, se non sarà approvata una nuova legge elettorale entro Natale, si presenterà al prossimo messaggio di fine anno a reti unificate completamente nudo. “E voi sarete gli unici responsabili di eventuali vittime”, si legge nella lettera ai parlamentari.

Un accordo tra i partiti rimane però difficile, anche se la legge attuale non piace a nessuno. Lo stesso Calderoli dopo averla scritta l’aveva definita una porcata, nel tentativo di tenere lontano l’elettorato mussulmano. Il nodo cruciale rimane il premio da assegnare al partito più votato. Il Pd vorrebbe il 10% dei seggi, ma in commissione si dovrà scontrare contro il Pdl che ritiene sufficiente una giraffa di peluche. Gli sforzi dell’Udc invece sono concentrati a inserire nel testo una nuova norma che consideri tutte le schede bianche come indirizzate al papa, e quindi messe in conto al partito più Cattolico.

Non tutti comunque sembrano condividere l’appello all’urgenza di Napolitano: “I partiti dovrebbero prendersi tutto il tempo necessario e non lasciarsi ricattare da nessuno”, ha dichiarato il portavoce dell’Associazione italiana gerontofili.

Commenta