semaforo buona

Napoli. Perde il controllo dell’auto e si ferma a un semaforo rosso

17 ottobre 2017

NAPOLI – È di qualche ora fa la notizia di un uomo, nel napoletano, rimasto vittima di un grave incidente. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, tutto è accaduto ieri pomeriggio all’altezza di Via Duomo, adiacenze del chiosco “Per’ e musso” di Tonino Scarda detto Mappina. Un uomo di 40 anni, residente nel rione Don Guanella a Scampia, aveva deciso di fare un viaggio all’estero, destinazione Napoli centro. C. G., così chiameremo il protagonista di questa vicenda perché il suo nome reale porta sfortuna, stava guidando normalmente, immerso nella lettura del suo smartphone. Oggetto della sua primitiva curiosità da analfabeta funzionale, un trattato sui luoghi comuni a carico dei napoletani, intitolato “È ora di volare alto: ‘ncopp jamme, ja!”. “Ma noi non siamo così! – avrebbe esclamato più volte l’uomo, bevendo la sua tazzulella ‘e cafè preparata nella caffettiera custodita nell’aletta parasole – la devono smettere con questi pregiudizi sui napoletani!”.

L’uomo era così infuriato, leggendo quegli stantii cliché su Napoli e i napoletani, che stava quasi stritolando il suo antistress a forma di testa di Diego Armando Maradona, regalatogli personalmente da Luigi Necco. E nemmeno l’odore della pizza, che naturalmente permea tutta la città di Napoli, era in grado di ridargli l’allegria.
“L’elenco di questi beceri luoghi comuni sui napoletani lo faceva imbestialire sempre più” raccontano cinque ragazzi che, senza casco e a bordo di uno scooter senza assicurazione, mentre suonavano il mandolino si erano trovati ad affiancare la macchina di C.G per scippargli il motore. Pare, addirittura, che l’uomo avesse anche smesso di ascoltare l’ultimo brano di Luciano Caldore.

Improvvisamente, la tragedia: C.G. avrebbe perso il controllo della vettura andando a fermarsi violentemente contro quella linea bianca, per terra, che delimita qualcosa (non si sa cosa) nei pressi di un semaforo. Il semaforo, in quel momento, era rosso. Stando alla ricostruzione di alcuni vigili urbani giunti sul posto perché lì vicino c’è un bar che vende ottime sfogliatelle frolle, l’incidente è stato molto violento.

“Non appena ci siamo accorti che l’uomo si era fermato al semaforo rosso, abbiamo subito chiamato i soccorsi del 118 con un’ambulanza e un’automedica” ha raccontato uno dei vigili. L’uomo, in evidente stato confusionale, non ricordava praticamente quasi nulla e anche C.G. non stava molto bene. Il quarantenne continuava a ripetere “dobbiamo far scomparire certi stereotipi sui napoletani”. “Abbiamo sfiorato la tragedia, meno male che non aveva le cinture di sicurezza allacciate” ha continuato il vigile.

Le condizioni generali di C.G. hanno indotto i vigili urbani a chiamare un’eliambulanza che, appena atterrata, è stata subito affiancata da un parcheggiatore abusivo che ha chiesto “per quanto tempo?” e “se gli dava una cosa a piacere”.

L’uomo è attualmente adagiato su una barella in un corridoio pieno di topi al Loreto Mare, in attesa che il medico di turno rientri in ospedale dalla sua vacanza alle Baleari.

Buone notizie invece per il figlioletto di C.G, di otto anni, in quel momento in macchina con lui. Il bambino non ha riportato traumi e continua a pensare che a un semaforo rosso si debba accelerare, per evitare incidenti. A questo proposito, Pasqualino (nome di fantasia, solo per caso uguale al suo) ha dichiarato: “Lo tengo sempre presente stu fatt del semaforo, quando guido le macchine che rubo”.

Stefano Pisani

Stefano Pisani è esperto in Astronomia leggera, Pesca di spalle, Storia della storia, Waffle, Biografie insensate.

Commenta