mattone-apple

Napoli, compra un mattone e ci trova dentro un iPhone

29 marzo 2013

NAPOLI – È successo a un giovane muratore napoletano, Addolorato Scapece, che come ogni giorno andava avanti tra duro lavoro nei cantieri della città e qualche, meritata, pausa tra colleghi davanti a un caffè o a dell’ottima pizza fritta.

Il caso ha voluto che il giorno del fatto, la moglie di Addolorato, Assuntina, non sia riuscita a preparargli i sei etti di pasta che normalmente il giovane lavoratore consuma durante la pausa pranzo. Così il muratore è stato costretto a far sparire il languorino recandosi in un bar, dove è stato avvicinato da un losco figuro che, intuendo la professione di Addolorato, gli ha proposto di comprare un mattone, “Perché si sa, a lavoro ultimato, un mattone manca sempre e si rimanda il rito del Non è casa da signore se non ci piscia un muratore“.

Dopo qualche resistenza, Scapace ha accettato l’offerta e con 2 euro e 50 si è portato a casa un mattone nuovo di zecca, o almeno così credeva. Una volta tornato a casa, ha aperto la scatola e si è accorto dell’inganno: nessun mattone, bensì un iPhone X nuovo di zecca con tanto di custodia, scoperta che ha provocato la gioia della moglie e la delusione del giovane muratore.

Mi sta bbene“, commenta addolorato il giovane Addolorato, “mannaggia a me, e mo’ che sfaccimm me ne facc de chist aifonn?“, secondo le prime prove infatti, oltre a essere troppo piccolo per incastrarsi con gli altri mattoni, l’iPhone non aderisce nemmeno bene con il calcestruzzo.

Marco Bressanini

Dal 2008 conduce una brillante carriera nel precariato. Prima è stato studente, vagabondo e frontman di una one man band, da cui si è separato per dissidi interni.

Commenta