Dexter_Michael_C_Hall_Jennifer_Carpenter_Lauren_Velez_Julie_Benz_James_Remar_Desmond_Harrington_David_Zayas_CS_Lee

Michael C. Hall farà parte del cast di “Un medico in famiglia”

21 maggio 2014

CINECITTÁ-  Un rumor che circolava ormai da mesi  ha trovato conferma ieri sera: Michael C. Hall, dopo Dexter e Six Feet Under, continuerà la sua cavalcata trionfale fra le celebrità del piccolo schermo sbarcando su Rai1 nella serie di grande successo Un medico in famiglia.

A confermare lo stadio avanzatissimo della trattativa sarebbe stato Lino Banfi, che nella serie interpreta il nonno rincoglionito andato in pensione dopo aver rubato soldi ai cittadini italiani lavorando alle Ferrovie dello Stato, e che si trastulla tutto il giorno rompendo il cazzo ai nipoti. Ieri sera, infatti, durante la presentazione di un documentario sulla vita del grande attore proiettata al circolo di Bisaccia durante la pausa del ramino intitolata “Assoreta”, Lino Banfi avrebbe confermato di fatto la presenza di Michael C. Hall nella nuova stagione della fortunata fiction tv (Un medico in famiglia 85), ma non ha rivelato molto su quello che potrebbe essere il suo ruolo.

Migliaia di fan hanno già inondato le decine di forum presenti su internet cercando in tutti i modi di formulare una tesi valida per giustificare l’ingresso del nuovo personaggio. Secondo un utente che si dice molto vicino agli autori (tale P4scual3 Zagar14) Michael potrebbe essere il nipote americano di Lino Banfi, nato dallo stupro di Nonno Libero ai danni di un’ attivista anonima delle Brigate Rosse che sarebbe fuggita nel Nuovo Mondo per la vergogna, facendo poi rientrare il figlio nella patria natale dopo una telefonata rassicurante di Papa Bergoglio. Una tesi meno avvalorata, invece, è quella che vedrebbe legati Un medico in famiglia e Dexter: la serie italiana diventerebbe un vero e proprio spin-off, con l’assassino ospitato in casa dal cordiale Nonno Libero, che diventerà sempre più sospettoso per il cellophane insanguinato che comincerà a ricoprire le pareti di casa Martini. Una tesi non del tutto da scartare vista la tagline della serie: “UN OMICIDIO E’ TROPPO E DUE SONO POCHI”.

L’unica cosa certa è che l’attesa si fa trepidante, con migliaia di internauti pronti a scaricare tutta la serie, in quello che si prevede essere un nuovo record di download illegali. Una suspense paragonabile solo a quella scatenata alle voci di corridoio che vorrebbero Bryan Cranston in un cameo nella seconda stagione di Braccialetti Rossi.

Commenta