TitoliFilm_Finale_2

Maxi-multa all’Italia per le traduzioni alla cazzo dei titoli dei film

21 gennaio 2015

Cinefi (LO) – L’Unione Europea ha appena notificato all’Italia una maxi-multa di 666 milioni di euro per le croniche traduzioni della minchia dei titoli dei film stranieri. Il nostro paese era già stato avvertito a più riprese dai commissari europei, ma ha perseverato nella sua condotta scriteriata. È un vizio italico che si trascina da diversi decenni è che ha toccato veri e propri capolavori del cinema come Quarto potere (in originale “Citizen Kane”), Vogliamo vivere (“To Be Or Not To Be”) e Duello a Berlino (“The Life and Death of Colonel Blimp”) fino ai pasticci western di “Rio Grande” diventato Rio Bravo e “Rio Bravo” diventato Un dollaro d’onore. La tragedia non è riservata solo ai film anglofoni, basti pensare al francese “Domicile conjugal” distribuito da noi con un agghiacciante Non drammatizziamo… è solo questione di corna.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’uscita dell’ultimo film di David Fincher, Gone Girl, con l’imbarazzante titolo L’amore bugiardo. La traduzione travisa l’originale e contiene anche un mezzo spoiler, come era già successo pochi mesi prima per Diplomacy, diventato Una notte per salvare Parigi. Poi sfrutta l’abusato termine amore, con l’evidente intento di attirare nelle sale orde di lettrici di Harmony, come era già accaduto in passato per Larry Crowne (da noi L’amore all’improvviso), Restless (traduzione letterale “Irrequieto”, diventato L’amore che resta), Shallow Hal (trad.lett. “Il frivolo Hal”, trasformato in Amore a prima svista) o La source des femmes (trad.lett. “La sorgente delle donne”, ma diffuso come La sorgente dell’amore).

La notifica della multa è stata recapitata direttamente al TOPE (Titolisti Operatori Pellicole Estere), l’ufficio alle dipendenze del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali presieduto da Franzuà Truffò. I commissari europei hanno trovato i traduttori intenti a leccare il dorso di rane allucinogene. Questo spiega in parte i titoli da loro partoriti negli anni, che inesorabilmente hanno ora portato dritto all maxi-multa.

Gli uomini del TOPE hanno la tendenza deplorevole a fissarsi con alcune parole che ripetono ossessivamente: se l’uso di “amore” è almeno comprensibile, non si capisce per esempio l’impiego del termine “svitato“, fuori moda in Italia almeno dal ’62 (inteso come 1862). Eppure nel ’98 Can’t Hardly Wait (trad.lett. “Non vedo l’ora”) diventa Giovani, pazzi svitati, nell’81 Stripes (trad.lett. “Strisce”, intendendo quelle della bandiera americana) si trasforma in Un plotone di svitati e nell’86 Running Scared (trad.lett. “Correndo impauriti”) viene diffuso come Una perfetta coppia di svitati.

Se poi c’è di mezzo un cane, il titolo italiano diventa immancabilmente “Qualcosa a quattro zampe“. Così nell’85 Mit liv som hund (trad.lett. “La mia vita come un cane”) diventa La mia vita a quattro zampe, nell’89 il sintetico “K-9” si espande in Poliziotto a quattro zampe e nel 2004, Chestnut: Hero of Central Park (trad.lett. “Chestnut, l’eroe di Central Park”) viene tradotto Chestnut, un eroe a quattro zampe.

La banda di Truffò poi diventa crudelmente perversa quando sceglie un titolo nella lingua dell’originale… ma diverso! Nel ’79 Mad Max, il film che lanciò Mel Gibson, viene tradotto come Interceptor, mentre 30 anni dopo (il wolf perde il pelo ma non il vizio…) il road-movie di Sam Mendes “Away we go” diventa senza nessun motivo apparente American life.

Ma se a volte capitano vere e proprie botte di culo come Corvo Rosso non avrai il mio scalpo – personaggio che nel film non c’è! – (al posto di “Jeremiah Johnson”) e soprattutto L’attimo fuggente (invece di “La società dei poeti defunti”), molti comunque considerano inarrivabili le nefandezze compiute su due titoli dei primi anni 2000, quando i dorsi dei rospi dovevano essere particolarmente psicotropi: nel 2003, infatti, Intolerable Cruelty (formula che nel linguaggio giuridico americano viene usata nelle cause di divorzio) dei fratelli Coen subisce la “Crudeltà intollerabile” di diventare Prima ti sposo, poi ti rovino (sulla scia di “Se scappi ti sposo“, “Prima o poi mi sposo” e prima di Se sopravvivo mi sposo) e nel 2004 l’apoteosi di Eternal sunshine of a spotless mind, lirica e delicata pellicola di Michel Gondry, il cui titolo originale riprende una poesia di Pope, che viene tradotto sciaguratamente come “Se mi lasci ti cancello”.

I distributori si giustificano citando le progressivamente ridotte capacità mentali degli italiani e anzi confessano di compiere persino un grande sforzo per contenersi nel non chiarire troppo agli spettatori nostrani il contenuto del film. Truffò rivela: “Quando nel 1998 abbiamo distribuito il remake di Psycho c’è stata una vera e propria rissa per impedire di tradurlo con L’impiegata che rubò l’incasso al suo capo e fuggì in un motel gestito da uno strano tipo che l’ammazza nella doccia per ordine della madre morta da anni e impersonata da lui stesso”.

I commissari hanno perciò continuato a seguire con attenzione e crescente disgusto le temerarie traduzioni italiane, fino alla drastica decisione di punire severamente il nostro paese. Il fascicolo “UE fines Italy 666 million euros for absurd translations of film titles” è arrivato da poco negli uffici del TOPE, ma la squadra di Truffò ha già provveduto a divulgarlo in italiano: “Quegli svitati commissari europei ci vogliono con amore mettere a quattro zampe”.

 

Andrea Michielotto & Manuel Cerfeda

 

Tags
, , ,

Andrea Michielotto nasce per partenogenesi da un altro organismo pluricellulare chiamato Andrea Michielsette. È considerato uno dei maggiori narratori viventi in uzbeko, anche se crede di scrivere in italiano. Attualmente lavora come ghost writer di Domenico Scilipoti.

Commenta