1280px-Map_of_comune_of_Lampedusa_e_Linosa_province_of_Agrigento_region_Sicily_Italy.svg_-e1426274068521

Lotta all’immigrazione: Lampedusa verrà fatta saltare in aria

14 marzo 2015

Con la minaccia dell’Isis alle porte e con – come avverte Salvini – “cento milioni di migranti che affollano le coste della Libia in attesa di rubarci il lavoro”, il governo è impegnato nella ricerca di un metodo efficace per contrastare una più che probabile invasione.

Un pool di esperti è stato quindi incaricato di individuare una soluzione definitiva al problema. Dopo un attenta analisi il pool è giunto alla conclusione più logica: far saltare in area ed eliminare per sempre da tutte le cartine l’isola di Lampedusa.
Un primo progetto prevedeva semplicemente di spostare l’isola diversi chilometri più a nord, ma i costi eccessivi per la sua realizzazione hanno spinto il Governo, in tempi di spending review, a optare per un’onerosa ma comunque più economica detonazione.
Gli esperti hanno infatti notato che le condizioni delle imbarcazioni che tentano l’attraversata del Mediterraneo sono sempre peggiori e certamente non riuscirebbero a navigare un miglio in più oltre Lampedusa. Quindi, senza un porto sicuro dove attraccare, gli scafisti più prudenti dovrebbero desistere, mentre quelli più spericolati potrebbero pure tentarci, ma certamente non riuscirebbero a raggiungere le coste della Sicilia e affonderebbero prima di poterci dare fastidio.

L’operazione denominata “Lontano dagli occhi, lontano dal cuore”, ha trovato subito il plauso e il consenso della Lega Nord e della Ital Esplosivi e avrà inizio non appena verrà deciso se e dove trasferire gli abitanti di Lampedusa.

Simone Congiu

Lo sporco che fa notizia

Commenta