Muro_Italia_Austria

L’Austria ha deciso: “Non faremo il muro per gli immigrati, lo faremo per gli italiani”

8 maggio 2016

È stata una grande fortuna che Claudio Favara, un nostro collaboratore, lavori in Germania come tester della Volkswagen (il suo compito è respirare dalla marmitta delle Golf diesel per dimostrare che i gas di scarico non sono dannosi, una dei tanti lavori che i tedeschi non vogliono più fare), altrimenti sarebbe stato impossibile realizzare quest’intervista. Infatti l’Austria ha deciso: non costruirà il muro per gli immigrati, ma per gli italiani. Così, anche se adesso il muro non è ancora stato costruito, è molto difficile attraversare il Brennero. Tre dei nostri collaboratori ci hanno provato, ma uno è scomparso, l’altro è stato arrestato e l’ultimo è stato rapito e rieducato. Non l’abbiamo più visto, ma continuiamo a ricevere delle sue lettere dai più impervi rifugi alpini, nelle quali, in dialetto tirolese, ci propone solo enigmatici articoli che parlano di mandolini mafiosi che trangugiano spaghetti cantando alla luna.

Invece il nostro Claudio, grazie a un documento falso, alla perfetta conoscenza del vernacolo bavarese e a una voce roca e catarrosa legata alla natura del suo lavoro, è riuscito a scambiare quattro chiacchiere con Maximilian Magnus Rottweiler, ministro austriaco del neonato dicastero della difesa contro gli italiani.

Allora Herr Rottweiler, ci parli un po’ di questo muro.

 MMR: Capisco che gli italiani siano per natura deboli, lamentosi, pigri, grassi, unticci, bassi, lassisti, omosessuali e olivastri, ma si vantano di avere dalla loro cultura e storia. Noi costruiremo la barriera utilizzando pezzi  della grande muraglia cinese e del vallo di Adriano. Dovrebbero essere felici di vedere un’opera del genere, anche se, speriamo, solo da lontano.

 Ma non potrebbe spiegarci meglio i motivi di tale decisione?

 MMR: Gli italiani mandolinisti conosceranno bene le note, ma la conformazione del loro cervello non gli permette di capire i numeri. Se ospitiamo nei centri di accoglienza quindici immigrati e gli regaliamo sette cellulari rotti, abbiamo la scusa per sfruttarne un milione nelle nostre fabbriche! Invece gli immigrati italici terroni (abbiamo visto le statistiche, molti sono veneti) pretendono dei diritti assurdi, come fare la pipì, mangiare, bere o dormire. Cosa succederebbe se questa cultura italica fiacca ed effeminata s’insinuasse tra i lavoratori immigrati? Sa quanto spenderemmo in wc? Chi ce li dà questi soldi, gli ebrei?

 Il nostr.. cioè, il primo ministro italiano, Matteo Renzi, ha detto che l’Austria è fuori dalla storia

 MMR: Matthaeus Renzi pensi a restituirci il Trentino il Lombardo-Veneto e il Regno di Napoli (anzi no, quello se lo può tenere) e si pulisca la bocca col sapone quando parla dell’Austria. Se vuole gliene possiamo inviare un po’. È dalla fine della guerra che abbiamo i depositi pieni, non sappiamo più dove metterlo.

 Ma non avete paura di passare per razzisti?

MMR: Se lei è qui, vivo e vegeto, a intervistarmi, vuol dire che non siamo razzisti. O pensava di averci imbrogliato con quel documento falso? Mica abbiamo tagliato i fondi destinati all’integrazione per costruire dei congegni riconosci-italiano che non funzionano! Non siamo mica in Italia!

Matteo Adami

Commenta