La Troika di Draghi, Lagarde e Junker punta il Pianeta Rosso

La Troika di Draghi, Lagarde e Junker punta il Pianeta Rosso

La Troika attacca: “Marte sprecone come la Grecia: l’acqua va subito privatizzata!”

29 settembre 2015

Marte (Sistema Solare) – Il pianeta rosso va salvato da se stesso. Dopo la Grecia, la Troika ha posato il suo sguardo benigno su Marte, il quarto pianeta del sistema solare. Il portavoce della Troika, Hans Kammler III,  ha rilasciato un comunicato che specifica: “La gestione idrica fallimentare attuale è il frutto di governi populisti che hanno fatto della cosa pubblica un luogo di clientelismi, sprechi e inefficienze. Se Marte seguirà i nostri consigli in 15 anni potrà tornare ad essere rigoglioso e competitivo come un tempo, per questo l’acqua va privatizzata il prima possibile“.

I benicomunisti di tutta la galassia si opporranno alla privatizzazione e sperano in uno Tsipras spaziale, ma il comunicato della Troika è chiaro: “Dal rigore nella liquidità marziana ne trarremo benefici inimmaginabili anche sulla Terra. Lavoreremo tutti un giorno in meno ma sarà come se lavorassimo tutti un giorno in più. I conti del pianeta rosso torneranno in attivo e il potere d’acquisto non potrà che aumentare conseguentemente“. Non è ancora chiaro se parlano di giorni terrestri o marziani, tuttavia.

Il memorandum prosegue: “Le regole del mercato che funzionano sulla Terra funzioneranno anche su Marte, e così dimostreremo che sono leggi universali, come la gravità e la trichinosi“. Lasciamo, dunque, che il mercato decida qual è il prezzo migliore per l’acqua e la mano invisibile della concorrenza migliorerà i servizi senza gravare su famiglie e imprese, siano esse marziane o terresti.

Sulla Terra non sono mancate le prime reazioni entusiaste di alcuni economisti, come il dott. Oscar Giannino che nell’editoriale di oggi ha dichiarato: “La privatizzazione dell’acqua marziana sarà l’argomento della mia prossima tesi di laurea“. Dello stesso parere anche il senatore a vita Mario Monti: “Senza l’aiuto della Troika, Marte si sarebbe trovato presto alla stregua di Venere o Giove“. Gli stessi Alesina e Giavazzi, dalle colonne del “Corriere della Sera”, hanno dimostrato, numeri alla mano, come in soli 15 anni il costo degli investimenti potrebbe essere ripagato alzando le tasse universitarie per i meno meritevoli.

A nulla, finora, è servito il sit-in congiunto di Sel, Possibile e Minoranza Dem, organizzato per le 14.30 e le 14.45 tra la partita di badminton di Civati e Vendola e un rubamazzetto tra Fassina e Bersani.

Andrea H. Sesta

Scrivo di notizie vere su Lercio, di notizie libresche su Finzioni e colleziono gif sul mio blog. Quando mi chiedono cosa voglio fare rispondo: il pirata lebowskiano.

Commenta