Vieri

La Rai si aggiudica i diritti delle partitelle in spiaggia di Bobo Vieri

17 maggio 2018

“I Mondiali a Mediaset? Chi se ne frega, noi abbiamo il calcio tennis con tantissima figa”. Con queste parole poco ortodosse la Rai ha annunciato l’acquisizione dei diritti televisivi per la diretta delle partitelle estive a Formentera di Bobo Vieri.

Preoccupati per l’arrivo del campionato mondiale di calcio 2018 targato Mediaset, i dirigenti del servizio pubblico televisivo studiavano da mesi la necessaria contromossa per evitare il probabile crollo di audience estivo. Inizialmente si era pensato di puntare alla tv del dolore e al gore più estremo della cronaca nera, ma il successo di questa operazione sarebbe stato troppo legato al caso: nella sfortunata ipotesi che entro i primi di giugno non ci fosse stato qualche omicidio di minorenne con stupro da parte di un gruppo di extracomunitari, qualche vittima sotto i 15 anni con mutilazioni a sfondo sessuale, o almeno qualche infanticidio da parte di madre, nessuna carneficina sarebbe stata sufficiente a contrastare lo sport più bello del mondo. Un’altra proposta era stata quella di riacquistare i diritti della “Signora in Giallo”, ipotesi poi scartata con la motivazione che si trattava di uno show troppo sperimentale per la tv di Stato, già nei guai per l’anticonvenzionale e rivoluzionaria centosettantasettesima stagione di “Don Matteo “.

La soluzione è arrivata grazie a una robusta indagine di mercato sui gusti dei telespettatori. Alla domanda se esistesse qualcosa che gli italiani amano più del calcio, la risposta unanime è stata: sì, la figa. La Rai si è quindi messa al lavoro per trovare qualcosa che potesse coniugare calcio e fregna e il nome di Bobo Vieri è subito saltato fuori, come ha raccontato poi il direttore di produzione: “Le vendite dei giornali di gossip che pubblicano foto dell’ex calciatore con la fidanzata di turno sono sempre alle stelle. E che cosa fa Bobo tra un effusione e l’altra? Qualche mio collega ha erroneamente risposto: si pulisce. No, gioca le partitelle di calcio tennis in spiaggia. Ed ecco, lo sport è servito!”
La location ideale per questo tipo di manifestazione è stata individuata nell’isola di Formentera e la produzione ha già inviato un responsabile sul posto per contattare l’ex nazionale e convincerlo della validità del progetto. Il bomber ha dato il suo consenso, soprattutto dopo aver appurato che non avrebbe più dovuto filmare da solo i propri video vacanzieri (la regia è affidata totalmente alla Rai) e avrebbe avuto quindi un’altra mano libera per palpare il doppio dei culi.
Ottenuto il via libera sono già iniziati i lavori per erigere un muro intorno allo stabilimento balneare frequentato da Vieri, in modo che solo i telespettatori possano assistere alla visione dei culi. Per risparmiare la Rai userà vecchi pezzi di muro della Striscia di Gaza, perché considerati ormai obsoleti e di scarso appeal in termini di audience, a causa di tutto quel sangue palestinese che li imbratta.

Le partite inizieranno il 14 giugno in concomitanza e aperta sfida ai Mondiali. Bobo Vieri sarà l’unico calciatore azzurro che quest’estate giocherà in diretta tv e i campetti in spiaggia saranno disseminati di gattini, che le varie ragazze in tanga potranno accarezzare chinandosi in giù.

Sergio Marinelli

Sergio nasce nel 1976, anno del cazzo, dove l'evento più allegro è il terremoto in Friuli. A scuola gli dicono che ha le capacità, ma non s'impegna e quando lo fa finge di non avere le capacità. Il suo motto è: non fare oggi quello che domani potrebbe essere inutile fare. Non pratica sport, sudare lo mette a disagio. Ora vive a Porto Sant'Elpidio, paese del cazzo, dove la cosa più eccitante è attraversare i binari con le sbarre del passaggio a livello abbassate.

Commenta