Digital StillCamera

LA MOGLIE DEL GESTORE DEL MARKET CONAD OTTIENE IL DIVORZIO

20 novembre 2013

FALLO (CH) – Non poteva continuare a reggere una situazione diventata ormai insostenibile, e l’unica soluzione praticabile era il ricorso alle vie legali. La consorte dell’ormai famoso gestore del punto vendita Conad della cittadina ha deciso di porre fine a un’unione che, già traballante da tempo, con le luci della ribalta le aveva portato una notorietà non richiesta e mal digerita. Inoltre, i continui pettegolezzi delle comari del paesino, e le malignità sul fatto che durante le sue sortite notturne l’uomo non pensasse ai clienti del suo consorzio alimentare, l’avevano costretta a una vita da reclusa.

Ecco uno stralcio delle dichiarazioni che la donna, intervistata dopo la sentenza, ha rilasciato alla stampa.
«Non ce la facevo più. Se avessi continuato a stare con lui, sarei diventata scema. Mi svegliava sistematicamente ogni notte, a ore impossibili, e mai una volta per fare sesso. Diceva cose strane, del tipo: “Amore! C’è un problema”. “E certo che c’è un problema – gli ribattevo scocciata – non lo facciamo da sei mesi, altro che Operazione Bis!” E lui, imperterrito: “Ma no, cos’hai capito! Non intendevo un problema tra noi, ma tra la gente!”. Come no, tra noi va tutto bene, figuriamoci».

«E ovviamente i problemi non vengono mai da soli: l’astinenza forzata mi aveva portato ad avere degli incubi ricorrenti, parlavo nel sonno, ripetendo in modo orgasmico la parola ‘bis’. E mio marito, svegliandomi: “Tranquilla, la facciamo l’Operazione Bis”. Visto l’andazzo, mi sarei accontentata dell’Operazione Una Tantum».
Il punto di non ritorno è stato il controllo sulla freschezza, che la donna ha percepito come una sgradevole insinuazione: «Gli ho chiesto urlando se per caso avesse sentito qualche odore strano, perché se tra noi due c’è uno che non si lava prima di andare a letto, quello è lui. Ma lui, per tutta risposta, si è alzato dal letto e, in piena notte, è uscito per andare chissà dove. La mattina dopo, di buon ora, mi sono rivolta al mio avvocato per avviare la pratica di separazione».

Salvatore Olia

Lo sporco che fa notizia

Commenta