(Foto: Djtm/wikimedia)

(Foto: Djtm/wikimedia)

La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna le scorregge silenziose

27 maggio 2013

Strasburgo – Con una sentenza storica la Corte europea dei diritti dell’uomo ha deliberato oggi che: “Le scorregge silenziose sono un crimine”. Nelle motivazioni si legge che “la silenziosità della stessa impedisce a chi è intorno di difendersi adeguatamente, il che costituisce una grave violazione dei più basilari diritti umani”.

I giudici di Strasburgo erano stati chiamati ad esprimersi sul tema in seguito al ricorso presentato da Sig. Vito Rito Zanittal, tassista romano. Si tratta di una decisione che farà contrarre molti muscoli addominali e destinata a stravolgere per sempre i nostri ritmi intestinali. Non solo d’ora in poi la scorreggia silenziosa dovrà essere perseguita come reato in tutto il territorio Europeo, ma sarà considerata un aggravante farla in luoghi come: ascensori, camerini, sotto il piumone del letto, al cinema, dietro i ventilatori, e soprattutto all’interno delle valige per contorsionisti.

Manuel Pica

Nasce. Cosa che gli creerà non pochi problemi in futuro. Vive la sua vita al massimo per cercare di rendere interessante la propria autobiografia. Attualmente conduce uno studio alla Columbia University su come riconoscere un calzino destro dal sinistro. Sostiene che Pitagora non si sia mai accorto che i quadrati costruiti sui cateti di un triangolo rettangolo scivolano. Sulla sua lapide vorrebbe scritto "Per favore spostati, mi stai schiacciando il piede". (Ricordarsi di scrivere un'autobiografia migliore)

Commenta