carloooooo

Il principe Carlo si rompe il cazzo di aspettare e fonda un regno tutto suo

20 marzo 2017

STANZETTA DEL PRINCIPE CARLO (LONDRA) – Nella notte sembrerebbe essere scoppiata una vera e propria bomba a Buckingham Palace. Sarebbero trapelate voci di un possibile attacco isterico del Principe Carlo dopo che il Royal Baby gli avrebbe detto “Nonno, lo sai che vali meno di tuo padre?” . “Basta, non voglio più essere preso per il culo! Questo non lo accetto più, ho una madre Highlander, se continua così non sarò mai re, neanche per un giorno, qui serve una soluzione!”, queste sarebbero le parole rivolte a Camilla Shand, la più famosa cosplayer di Lady D., dopo essersi ritirato nella sua stanza. Da lì a poco avrebbe tracciato un confine immaginario sulla porta della sua stanzetta fondando un regno tutto suo che ha già chiamato Inghilcarlo. Al suo interno sarebbero stati delineati ulteriori confini per meglio poterlo governare, nominando Camilla Shand Principessa del letto Ovest del nuovo Stato più piccolo del mondo.

Le urla del più duraturo erede al trono avrebbero svegliato la regina e il principe William e disturbato il principe Harry durante una delle sue seghe notturne. Intervenuti tutti alla porta della stanzetta, il principe Carlo li avrebbe tenuti fuori urlando “Questo è il mio regno, se volete entrare dovrete chiedere il visto al consolato!”. Inutili le parole concilianti della madre: “Carletto, su, non fare così, se fai il bravo ti compro l’uovo Kinder per Pasqua. Quello grande”. “No, no e no, io voglio essere il Re, almeno un giorno, daiiiii! Se vuoi farmi un regalo deciditi a schiattare!” sarebbe stata la risposta tra le lacrime di Carlo. “Carletto, non fare i capricci, non costringermi a sculacciarti!” avrebbe minacciato la Regina col suo proverbiale pugno di ferro. I tentativi di mediazione sono durati per altri 30 secondi prima che Re Carlo venisse mandato a cagare e tutti tornassero a dormire beatamente, come sempre.

Voci interne a Buckingham Palace riferiscono poi di un battibecco che si sarebbe svolto tra la Regina e il suo inutile marito: “Che figlio miserabile mi hai fatto fare, è un perdente come te! Pure tu, a cosa servi se non sei stato capace neanche di diventare re?”, “Ma muori, vecchia riconglionita!”, “Prima tu, hai quasi 96 anni, Cristo!, fammi godere un po’ di vedovanza”.

Re Carlo avrebbe quindi approfittato del sonno degli altri familiari per tentare di conquistare la confinante stanzetta di proprietà personale del Royal Baby, venendo però schiaffeggiato da quest’ultimo. Episodio umiliante per l’esercito dell’Inghilcarlo e che rappresenterebbe già un gravissimo incidente diplomatico.

Trapelata la notizia, la stampa inglese non ha perso tempo a etichettare il Re Carlo come un sanguinario dittatore e invocare l’intervento dell’esercito inglese e, se è il caso, anche l’uso dell’atomica. Tutto il popolo inglese, in men che non si dica, ha appoggiato la proposta della stampa di una guerra in difesa di tutta la famiglia reale, e soprattutto del principino George, tanto che stanno spingendo la premier inglese Theresa May a dichiarare guerra allo stato più sfigato che la storia possa ricordare. Per il momento sembra che la leader inglese voglia rimanere cauta ed evitare un’eventuale terza guerra mondiale, ma ha assicurato che nei confronti dell’Inghilcarlo verrà attuato un pesantissimo embargo che priverà la sua popolazione di acqua, uova di Pasqua, carne, pesce, medicinali, puzzle e tessuti a quadretti. Pare che sia già stata diffusa la frase in codice per annunciare la dipartita di Carlo: mentre per la Regina si dirà “London Bridge is Down” (“Il London Bridge è caduto”), per il figlio ribelle si userà l’acronimo MISS, “Men In Skirts Suck” (“Gli uomini in gonna fanno schifo”).

Mentre fuori da Buckingham Palace si gonfiano tensioni e voci di un possibile conflitto armato, al suo interno la famiglia reale in questo momento sta tranquillamente facendo colazione con tè, uova e salsicce.

Claudio Favara

(Catania, 1982). Studia tantissimo per poter lavorare nei call center prima, come trascrittore poi. Per arrotondare fa l'orso nelle fattorie della bile cinesi.

Commenta