Attenzione!

Il nostro server è entrato in casa d'altri di notte ed è stato ucciso

Se non volete restare a corto di lercio comprate il libro

governo_referendum_trivellare_senato

Il governo fa confusione tra i referendum: domenica si voterà per trivellare il Senato

14 aprile 2016

Roma – Un banale errore del reparto copisteria del Ministero dell’Interno – che ha confuso il referendum sulle trivelle con quello costituzionale – e domenica 17 aprile i cittadini che si recheranno alle urne troveranno questo quesito stampato sulla loro scheda: “Vuoi che le piattaforme di estrazione cerchino idrocarburi nel sottosuolo di Palazzo Madama fino ad esaurimento del giacimento con conseguente soppressione del Senato della Repubblica?”

Una situazione grottesca che stravolge le posizioni finora consolidate. Il governo si trova nella paradossale situazione di fare un brusco passo indietro e invitare tutti a votare “Sì”, per raggiungere un duplice obiettivo: sopprimere il Senato e trivellare di brutto nel centro di Roma, rimandando ulteriormente l’attuazione di una seria politica energetica che utilizzi le rinnovabili. Matteo Renzi, quindi,  potrebbe vedere realizzato il sogno che aveva espresso con questo tweet del 2 aprile. Il premier –  che finora si era espresso in favore dell’astensione – si è improvvisamente ricordato dell’importanza dello strumento referendario: “Invito tutti gli elettori a NON andare al mare: l’acqua è ancora fredda e sono stati avvistati degli squali”.

Si schierano per il “Sì” anche molti cittadini, allettati dall’immagine di una trivella costruita letteralmente “a casa dei politici”. Mentre sono per il “No” i senatori e soprattutto gli abitanti di Piazza Madama: “Ma proprio sotto casa nostra le dovete mette’?”

I responsabili dell’Eni, da parte loro, si dicono dubbiosi sull’esistenza di un giacimento di combustibile fossile sotto il Senato: “Ci crediamo poco ma siamo pronti a trivellare per decenni finché non lo troveremo”.

Sulla stessa linea il senatore Maurizio Gasparri: “Non credo ci sia un giacimento di idrocarburi nel centro dell’antica Roma. Se ci fosse stato credete che i romani – che erano intelligentissimi – avrebbero girato per anni con le bighe trainate dai cavalli? Io credo di no”.

Eddie Settembrini

Come giornalista del Washington Post ha scoperto lo scandalo “watergate”, ma ha lasciato lo scoop a due colleghi ambiziosetti in cambio di un hot dog. Tornato in Italia ha iniziato a indagare sui delitti del Mostro di Firenze; ha smesso quando ha capito che gli indizi conducevano a se stesso. Ora scrive per Lercio sotto ricatto. Il suo romanzo preferito è “Oblomov”, ma si è immedesimato talmente tanto nel protagonista che non l'ha mai finito.

Commenta