Manifestanti invitano ad aderire al Sedily Day

Manifestanti invitano ad aderire al Sedily Day

Gli automobilisti etero scendono in piazza: “La patente agli omosessuali minaccia la nostra”

9 febbraio 2016

Roma – Era inevitabile. Dopo il successo del Family Day, che ha attirato, sui poco più di 7 ettari del Circo Massimo, circa otto milioni di persone (contate personalmente da Kiko Argüello), per una tutto sommato rispettabile media di 986 bigotti per metro quadro, si affacciano ora nuove categorie che non temono di esporsi al pubblico ludibrio pur di scendere in piazza a rivendicare diritti che comunque già posseggono.
I primi a manifestare saranno i guidatori eterosessuali, i quali si ritroveranno nella capitale per il Sedily Day, promosso dal Comitato Difendiamo le nostre patenti allo scopo di protestare contro la concessione delle licenze di guida anche alle persone omosessuali, decisione che si teme possa pregiudicare il valore di quelle tradizionali. Il presidente del comitato Gandolfo Massimini ha già lasciato trapelare quello che sarà uno degli slogan della manifestazione, “La guida non è piacere, la guida è procreazione!”, mentre in città sono apparsi i primi manifesti “A noi la precedenza, a Dio la vittoria”, “I sedili del guidatore non sono un diritto”, “Potete ambire al massimo ai punti del cucito”, “Niente menzogne: per guidare servono maschio e femmina. O un maschio a caccia di una femmina!”

Uno degli interventi più attesi è sicuramente quello della giornalista e scrittrice Miriana Costanzo, autrice dei best seller Spostati sul sedile del passeggero e sii sottomessa e Tacere e lasciarlo cercare da solo la strada senza chiedere informazioni a un passante è meglio, che ci ha cortesemente concesso un’anteprima in esclusiva: “Noi donne abbiamo un compito speciale. Le nostre borse sanno cosa vuol dire custodire l’autoradio. Anche quelle che non hanno avuto la gioia di essere patentate hanno il compito di esaltare la guida del loro uomo, sia che passi col rosso tagliando la strada a un anziano che attraversa sulle strisce sia che occupi un posteggio riservato ai disabili”. Giorgia Meloni ha già garantito che ci sarà, pronta a stupire di nuovo i mass media con un altro annuncio clamoroso dei suoi: stavolta confesserà di essere riuscita a posteggiare l’auto nel parcheggio della Esselunga in solo otto manovre.

La manifestazione può contare sul pubblico sostegno di Mario Adinolfi – da sempre restio a rendersi ridicolo – che per l’occasione cambierà la testata del suo quotidiano in “L’incrocio”, e anche di alcune alte cariche dello Stato come gli autisti delle auto blu, e di figure di spicco dell’ambiente Vaticano come il meccanico che si occupa delle Jaguar di Bertone. Si prevede un’affluenza superiore a ogni più ottimistica immaginazione, addirittura si parla di dieci milioni di partecipanti, contando patentati etero, etero patentati, e tutti i simboli di una sana guida eterosessuale, cornetti portafortuna, pianale carico di peluche fino a coprire la visibilità nello specchio retrovisore, Arbre Magique al muflone, cerchi in lega, compilation dello Zoo di 105, subowoofer da 2000 watt RMS, magneti da attaccare al cruscotto con la foto dei figli e la scritta “Vai piano e pensa a noi”, tendine parasole con l’immagine di Marilyn Monroe, gli immancabili SUV che fanno tanta fichezza, più svariati esponenti 5Stelle cui è stata lasciata libertà di coscienza.

Nelle settimane successive il Circo Massimo verrà preso d’assalto praticamente tutti i sabati da una qualche manifestazione di protesta: toccherà prima ai Calciatori eterosessuali che temono che calciatori omosessuali svalutino il giro di scommesse per la loro eccessiva tendenza a truccare anche le partite, poi ai Laureati eterosessuali, i quali prevedono che assegnare la laurea anche a gay e lesbiche finirà per ridurre ancora di più il valore del loro già inutile pezzo di carta, poi ai Fascisti eterosessuali, che temono che permettere il saluto romano anche ai fascisti omosessuali rischi di penalizzare la virilità del sacro gesto, e dopo i cortei dei Geometri eterosessuali, dei Metronotte eterosessuali, dei Preti eterosessuali, dei Fan di Madonna eterosessuali e dei Padroni di Golden Retriever eterosessuali (compresi i Retriever) sarà infine la volta della protesta più attesa di tutte: il Family Family Day, quando i genitori eterosessuali di figli eterosessuali scenderanno in piazza contro i genitori eterosessuali di figli omosessuali, per sostenere la sacralità della loro forma di famiglia, l’unica espressamente tutelata dalla Costituzione e dalle mai abrogate sacrosante leggi della natura.

Augusto Rasori

Credo nell'amore, l'amicizia, l'onestà, la generosità, l'altruismo ma soprattutto la verità. O non scriverei qui...

Commenta