Attenzione!

Il sito è sotto bombardamento da parte di Trump

Se non volete restare a corto di lercio comprate il libro

corona-binetti

FABRIZIO CORONA: ORA STO CON PAOLA BINETTI – L’INTERVISTA

19 febbraio 2013

corona-binetti

BUSTO ARSIZIO – Fabrizio Corona fa ancora parlare di sé. Stavolta sembra voler dare una svolta alla sua vita e dal carcere rivela la sua relazione con la senatrice Paola Binetti. Lercio è riuscito a ottenere un’intervista esclusiva.

LERCIO: Com’è nata la relazione con Paola Binetti?
CORONA: Paola è venuta a visitare il nostro carcere insieme a una delegazione parlamentare. Abbiamo avuto un colloquio e tra noi è scoccata la scintilla.
L: Com’è la senatrice Binetti vista da vicino?
C: È una persona splendida, di grande bellezza interiore, la guida spirituale che mi è sempre mancata. Con lei ho capito che i rapporti avuti con le altre donne, come Nina e Belen, erano vuoti e privi di significato.
L: Ora come trascorri le tue giornate?
C: Affronto lunghe sessioni di preghiera inginocchiato nella mia cella e tengo una fitta corrispondenza con Paola.
L: Cosa ne pensi del cilicio?
C: È necessario per il mio percorso di espiazione. Ma non sono ancora arrivato ad applicarmelo, per ora ho fatto questo.
(Fabrizio Corona ci mostra orgoglioso un tatuaggio che raffigura un cilicio intorno alla sua coscia).
L: In questi giorni è uscito su Vine – e sta suscitando molto scalpore – un video in cui si vedrebbe la senatrice Binetti applicarsi il cilicio.
C: Non ne so niente. Non l’ho neanche visto, ma non credo si tratti di Paola. Lei è più pelosa.
L: Grazie e alla prossima.
C: Grazie a voi.

Mentre ci saluta gli sfugge un occhiolino e per un attimo l’ex fotografo dei vip sembra la simpatica canaglia di sempre. Intanto il video del cilicio continua a spopolare in rete: ha superato il milione di visualizzazioni giornaliere ed è saldamente in testa nella categoria Porn Mature BDSM.

Andrea Michielotto

Andrea Michielotto nasce per partenogenesi da un altro organismo pluricellulare chiamato Andrea Michielsette. È considerato uno dei maggiori narratori viventi in uzbeko, anche se crede di scrivere in italiano. Attualmente lavora come ghost writer di Domenico Scilipoti.

Commenta