sbarchi

Di Maio rivela: “ONG pagate per salvare solo migranti che votano Pd”

27 aprile 2017

Lampedusa (Premio Nobel) – “Ho le prove inconfutabili che alcune Ong sono pagate dal Pd per salvare profughi in cambio del voto a Renzi, quest’uomo mi ha confessato tutto”. È un Di Maio furente quello che si è presentato davanti ai giornalisti assieme a Norberto Saviano, responsabile dell’Ufficio selezione profughi della onlus Radio Taxi Lampedusa, che da anni si occupa di filtrare i possibili elettori PD e di trasportarli comodamente a destinazione, respingendo, al contrario, quelli anche solo timidamente intenzionati a votare per altri partiti.

Saviano ha confermato ai giornalisti la rivelazione di Di Maio:Giggino ha detto il vero. C’è una speculazione continua sugli sbarchi. Quando ci avviciniamo a una nave carica di migranti chiediamo per prima cosa la loro intenzione di voto e poi decidiamo se procedere al salvataggio. Se dicono di parteggiare per il PD interveniamo, altrimenti giriamo il timone della loro imbarcazione in direzione di Genova o Marina di Bibbona o Malindi o un’altra qualsiasi tra le residenze di Beppe Grillo”.

A far scoppiare lo scandalo ha contribuito anche una nuova rivelazione diffusa dal procuratore della Repubblica di Messina, Carmelo Melonaro, che ha saputo dall’amico del lattaio del commercialista del cognato del meccanico dell’allibratore dell’andrologo di sua suocera che alcune Ong potrebbero essere finanziate dai trafficanti allo scopo di destabilizzare l’economia italiana facendo crollare il prezzo degli schiavi grazie all’aumento della loro offerta. Questo atto di coraggio è costato al magistrato il furioso attacco da parte della stampa asservita alla lobby dei gay immigrati carnivori juventini terrapiattisti, una vergognosa campagna d’odio che ha spinto i sostenitori del M5S, schierati a favore di Melonaro, a lanciare l’hashtag #iostoconlamicodellattaiodelcommercialistadelcognatodelmeccanicodellallibratoredell
andrologodellasuoceradiMelonaro

Non c’è nulla di illegale” – ci dice Mauro Boldrini, 46 anni, figlio del Presidente della Camera Laura Boldrini e capitano della nave maceratese Georgesoros che da anni si carica di migranti per consegnarli alle Ong di fiducia – “abbiamo partecipato a un regolare concorso a base di bustarelle truccate per l’assegnazione di questo appalto multimilionario, che ha come effetto collaterale imprevisto quello di aiutare persone in difficoltà, ma allo stesso tempo la catartica soddisfazione di far girare i coglioni a Salvini“.

Il premier Gentiloni si è detto orgoglioso del comportamento delle ONG italiane: “Non possiamo lasciare troppe quote del mercato dei disperati alle organizzazioni norvegesi o britanniche. Avete presente come cucinano? Avete mai bevuto il loro caffè? Le mense dei CIE italiani, invece, sono le migliori del mondo”.

Luigi Di Maio ha ribadito il proprio impegno contro questo scandaloso salvataggio di vite umane, e annunciato che studierà il contenuto nel rapporto Risk analysis 2017, diffuso dall’agenzia dell’Ue Frontex, non appena qualcuno gli avrà spiegato come si scarica un documento in pdf.

Augusto Rasori

Credo nell'amore, l'amicizia, l'onestà, la generosità, l'altruismo ma soprattutto la verità. O non scriverei qui...

Commenta