(foto:

(foto: Wikipedia )

Crisi. Uccide il padre per ereditare il posto a capotavola

11 giugno 2017

CONDOMINIO ACCANTO AL BILLIONAIRE – Franco Sullastrico è morto nelle prime ore di questa mattina, dopo che ieri sera si è consumata l’ennesima lite familiare. Il primogenito dei coniugi Sullastrico  avrebbe accoltellato il padre 77 volte con un cucchiaio da tè: “Gliel’ho visto fare a Bruce Willis” avrebbe dichiarato alla polizia quando si è presentato spontaneamente in questura per denunciare i vitalizi dei politici. La moglie Jennifer Pappalardo e gli altri 5 figli piangono un uomo onesto, un padre premuroso e un compagno fedele, quantomeno ora che è morto, perché da vivo sembra fosse un pezzo di merda.

La crisi aveva colpito la famiglia Sullastrico già da tempo, da quando il capofamiglia aveva perso ingiustamente il lavoro al comune perché effettivamente a lavorare non ci andava. O meglio, andava a lavorare ma solo per timbrare il cartellino. La situazione era poi precipitata quando alla moglie era stata revocata la pensione di invalidità: la donna infatti era stata sorpresa alla guida di un’auto, pur dichiarandosi cieca dalla nascita. A nulla era valsa la difesa dell’avvocato, che sosteneva che la sua cliente andava sì in auto, ma guidava col bastone per non vedenti.

Ma anche nella povertà, l’uomo non aveva mai rinunciato all’allegria conviviale: così capitava spesso che prendeva da parte il primogenito e gli diceva “Vedi figliolo? Un giorno tutto questo sarà tuo”. “Ma tutto questo cosa?!” protestava il figlio. Allora lui rispondeva sghignazzando: “Questo posto a capotavola”. Mentre il padre rideva, la bramosia del possesso s’impadroniva della mente del figlio. E più Franco Sullastrico scherzava, più il desiderio del primogenito si accendeva.

Fino a ieri notte, quando si è consumato il terribile reato. Franco Sullastrico è stato trasportato in ospedale in gravissime condizioni, suscitando forte apprensione tra i vicini: “Se non muore non potremo dire che era educato e salutava sempre”.  Alla notizia della scomparsa dell’uomo, tutti i condomini si sono riversati in strada per dar vita a una gara di sensibilità in favore di telecamera. I primi tre classificati vinceranno un’intervista a Studio Aperto, mentre il primo potrà scegliere anche la musica di sottofondo e avrà diritto all’intervento di una truccatrice.

Claudio Favara

(Catania, 1982). Studia tantissimo per poter lavorare nei call center prima, come trascrittore poi. Per arrotondare fa l'orso nelle fattorie della bile cinesi.

Commenta