editoria

Corriere.it si rinnova: dal prossimo mese articoli gratuiti ma titoli a pagamento

6 settembre 2016

Milano (Mondadori) – Arriva dai social media manager della testata on line più cliccata, l’idea che potrebbe rivoluzionare il mondo dell’editoria digitale dopo l’invenzione della colonna di destra.

Dal prossimo mese, infatti, Corriere.it renderà tutti gli articoli consultabili gratuitamente, ma senza titolo.

“Abbiamo studiato il comportamento dell’utente medio – spiega il giovane web analyst H.T.P.T.P.A.U.N.I. (Ho Troppo Poco Tempo Per Avere Un Nome Intero, n.d.r.) – che, generalmente, fruisce solo di una porzione molto limitata del contenuto web, tanto che probabilmente a questo punto dell’articolo si sarà già stancato di leggere. Questo spiega il fallimento del precedente tentativo di monetizzazione: nessun utente acquistava articoli a pagamento, ritenendosi già sufficientemente informato dalla lettura dei titoli. Il nostro goal, invece è intercettare proprio quel limitato segmento temporale di attenzione e trasformarlo in introiti”.

Ma come convincere gli utenti a pagare solo per conoscere un titolo?

“Semplice – racconta $$ (simboli che stanno per “L’enterprise engineer precedentemente conosciuto come Mario Rossi”, n.d.r.) – regalando articoli. Noi mettiamo a disposizione degli utenti i contenuti integrali, senza eccezioni, compresi quelli che compaiono sul quotidiano cartaceo e, così facendo, disorientiamo l’utente che, senza una chiave di lettura, non sarà in grado di interpretare il significato di quei testi così lunghi e noiosi”.

Fino ad oggi, molti siti e quotidiani avevano puntato gran parte della monetizzazione su un meccanismo inverso: quello di pubblicare titoli reticenti, finalizzati a suscitare la curiosità nel lettore affinché “cliccasse” sul contenuto. Ma il sistema ha già iniziato la sua fase di declino: gli utenti più arguti, dopo le prime circa quattromila volte, hanno cominciato a sospettare che quei titoli ammiccanti nascondessero articoli che non solo non avevano niente a che fare con il titolo, ma che poi erano anche troppo complicati da leggere.

La nuova web strategy si basa, invece, sul rassicurante dato relativo alla esponenziale crescita dell’analfabetismo funzionale, che le principali multinazionali hanno recentemente classificato come “la maggiore opportunità di profitto del prossimo decennio”.

“Noi guardiamo agli analfabeti funzionali come a una risorsa, non come a un problema – continua $$ – Un titolo di giornale è l’espressione più complessa che sono in grado di comprendere o che almeno credono di comprendere. Superati i 140 caratteri l’utente è prima a disagio, poi man mano si spaventa e dopo i primi paragrafi comincia a temere per la propria incolumità, sentendosi aggredito da una pioggia di simboli alfanumerici come in Matrix. E noi offriamo un’ancora di salvezza: il titolo. Ma a pagamento”.

L’iniziativa ha già raccolto l’entusiamo anche delle testate concorrenti. La variante più singolare arriva da Libero il cui neodirettore S. Palo Fango propone un’offerta differenziata: “Presenteremo ai nostri lettori tre diverse tipologie di servizio. Versione standard: 99 centesimi per un titolo che descriva sinteticamente il contenuto dell’articolo; versione gold 1,99 € per un titolo con almeno una parolaccia; infine la versione premium (2,99 €), riservata ai nostri lettori più appassionati, per un titolo che sia contemporaneamente omofobo, xenofobo e sessista e che non abbia alcuna relazione con l’articolo, ma che al contempo insinui, senza affermarla direttamente, una bufala infamante sulla cugina della Boldrini”.

Da piccolo ho visto il Papa su un elicottero. Da allora ho sempre sognato di pilotare un Papa.

Commenta