10891980_641068919353134_3675598771851222708_n

Commando satirico semina il panico fra le teste di cazzo al grido di “Allen Akbar!”

8 gennaio 2015

Quello che si temeva è purtroppo accaduto: l’indignazione e l’orrore per la strage di Parigi hanno scatenato una reazione violentissima da parte dei liberi pensatori di tutto il mondo. Donne e uomini provenienti da campi d’addestramento artistici, cinematografici e dal deserto delle biblioteche, che fino ad ora avevano avuto un profilo dormiente come precari, disoccupati, part-time, armati di pericolosissimi libri, temeraria ironia e micidiali ragionamenti basati sul buon senso, hanno iniziato una spietata rappresaglia al grido di “Allen è grande!”.

Non si contano gli episodi di inermi imbecilli informati bruscamente dell’esistenza di più di un libro e più di un’opinione, mentre giungono notizie di rastrellamenti di persone trascinate fuori da vari luoghi di culto e costrette a passeggiare nei musei, assistere ai film dei Monty Python e leggere ad alta voce Voltaire.
Squadracce di umoristi e disegnatori hanno iniziato ad esporre le loro opere in pubblico, sollecitando il dissenso e scagliando gomme per cancellare contro chi parlava di limiti alla libertà di espressione e buon gusto.

Nel frattempo è scattata anche la caccia ai vecchi censori della satira, che sono stati individuati e ricoperti di verghe maschili stilizzate nonostante il loro tentativo di mimetizzarsi dietro i tag #JeSuisCharlie e, come spesso accade in queste situazioni, sono già stati individuati alcuni infiltrati all’interno del movimento di indignazione: la neofascista Marine le Pen, travestita da cittadina cui fosse mai importato un cazzo della libertà di stampa, ha proposto la reintroduzione della pena di morte, mentre un altro sciacallo assetato di sangue e affamato di merda (una dieta che ci sentiamo vivamente di sconsigliare), che per proteggere la sua identità chiameremo Matteo S. o Salvini M., ripropone vecchi stereotipi xenofobi, talmente ributtanti che i cadaveri di Charlie Hebdo hanno preso a vomitare. I due infiltrati sono stati allontanati con cortesia e fermezza, nel rispetto della famosa massima di Voltaire “Non condivido le tue idee, per cui non rompermi i coglioni”.

La redazione

Versione francese

Lo sporco che fa notizia

Commenta