(Foto: Luisona Sfasciasedie)

(Foto: Luisona Sfasciasedie)

Cieco per sesso telefonico: segaiolo chiede risarcimento a operatrice hot-line

31 gennaio 2015

Orgia (SI) – Singolare richiesta di risarcimento da parte di un giovane toscano, Serse Gaiolo, oggi quarantacinquenne, che si è recato presso il Tribunale di Siena per denunciare una signora di 53 anni, A.S., rea di avergli causato una notevole perdita della vista attraverso l’inganno.

Ma andiamo per ordine. Erano gli anni 80 e il Gaiolo, in piena esplosione ormonale, era solito passare le serate al telefono con la Signorina Dolores della chat erotica “ZITTO E PIPA”. Il giovane trascorreva intere notti a masturbarsi al telefono pensando a lei, tanto che nel giro di qualche anno aveva perso quasi 6 diottrie dall’occhio sinistro e 9 dall’occhio destro.
Passano gli anni e Serse diventa un uomo, ma nel suo cuore rimane sempre e solo Dolores, la donna che ha allietato le notti della sua adolescenza. Il Gaiolo sviluppa per lei una vera e propria ossessione, tanto che non si fidanza né tanto meno si sposa: il suo pensiero fisso è la voce calda e sensuale di Dolores. Ormai Serse riesce a immaginarsela come se la conoscesse, visto che per così tante volte lei gli ha descritto il suo corpo eccitante nei minimi particolari.
Nel 2012 decide quindi di cercare la Signorina delle notti bollenti e finalmente riesce a rintracciarla e a fissare un incontro.”Il cuore mi batteva forte” racconta l’uomo “e la voglia di toccare la donna che aveva acceso le mie fantasie sessuali per anni era incontenibile. Poi però appena l’ho vista (con quel poco di funzionalità oculare rimasta, NdR) mi è crollato il mondo addosso: la sosia di Claudia Schiffer che mi immaginavo era in realtà un cesso di oltre 200 kg pieno di rotoli di grasso”.

Il Gaiolo ha chiesto così un maxi-risarcimento di 10 milioni. La richiesta è parsa eccessiva a tutti, ma secondo i ben informati potrebbe essere accolta. Pare infatti che anche il giudice Tino Pugnet, coetaneo di Serse, sia affetto da una misteriosa ipovisione.

Tatiana Francini

Lo sporco che fa notizia

Commenta